Sab. Mag 8th, 2021

 

GLI INTERVENTI DEGLI AMMINISTRATORI DELLA LOCRIDE

 

Siderno. Si è tenuto, tra l’entusiasmo di studenti e amministratori locali, l’incontro previsto per giovedì 11 maggio all’ISS Marconi. A presentare la piattaforma web del progetto europeo Step, accanto al coordinatore del progetto Francesco Mollace, direttore di Civitas Solis, anche i Primi cittadini della Locride. All’intervento del sindaco di Sant’Agata del Bianco, Domenico Stranieri, sono seguiti quelli della vice sindaco di Siderno con delega all’ambiente, Anna Romeo, e del presidente di AssoComuni Locride e sindaco di Benestare, Rosario Rocca.

Politici, studenti, professori e ambientalisti, rappresentati dal presidente dell’Osservatorio ambientale Diritto per la vita, Arturo Rocca, promotore di numerose battaglie a difesa del territorio, insieme per spiegare ai più giovani l’importanza di “decidere insieme”.

Un incontro partecipato, in cui oltre a presentare la nuova app scaricabile sia per dispositivi android che ios, e che servirà per far sentire la voce dei più giovani sui temi dell’ambiente, si è spaziato dall’estetica dei luoghi all’inquinamento, fino alla partecipazione diretta e alla e-democracy, la nuova forma di democrazia digitale anima di tutto il progetto.

Il sindaco Stranieri ha ricordato l’azione promossa dalla sua amministrazione lo scorso 28 aprile con la modifica dell’articolo 34 dello Statuto comunale, per favorire le petizioni anche online promosse dai giovani.  Mentre il vicario del Marconi, professore Bruno Pelle, intervenuto a nome della dirigente Bruzzì ha sottolineato come «le nuove opportunità di democrazia digitale possono concretamente riavvicinare i giovani ai processi di presa delle decisioni pubbliche».

Mentre Anna Romeo, vicesindaco della città di Siderno ha aggiunto «Step è un progetto che ci piace molto, perché consente agli amministratori di creare una linea diretta con i cittadini e in particolare con i giovani, che invito a partecipare in maniera sempre più attiva avviando una interlocuzione diretta con il Comune, perché la cosa più bella è incontrarsi, parlare, discutere». In tal senso ci impegneremo come amministrazione comunale ad utilizzare la piattaforma per sentire le opinioni dei più giovani.

Domenico Stranieri precisa: «Step fa parte di un programma europeo molto ambizioso, che è Horizon 2020; l’Europa ormai guarda verso questo tipo di progetti: intelligenti, sostenibili e inclusivi. Sono quattro i comuni pilota impegnati a promuovere Step nella fase di test, quello che io amministro, dunque, seppur piccolo, intende come referente del territorio promuovere ed estendere l’uso di Step prima alla Locride e poi alla Calabria, perché è fondamentale che i giovani partecipino ai processi decisionali delle loro amministrazioni.

Nel mio Comune per presentare una petizione, prima del 28 aprile scorso, era necessario raccogliere 500 firme: quando sono stato eletto io i votanti erano 410; è chiaro dunque che da un punto di vista pratico non esisteva il diritto a fare delle petizioni. Oggi, invece, con la modifica dell’articolo 34 dello Statuto comunale ne bastano 50, che possono essere sottoscritte già dai 16 anni di età. Finalmente si accende nella Locride un faro sulla tecnologia e sull’innovazione, su cui restiamo ancora molto indietro; e siamo indietro per quanto riguarda il confronto sulle tematiche ambientali: che esistono, non sono recenti e neppure lievi».

Ed è in materia di tutela ambientale che, al giovane sindaco Stranieri, si succede l’intervento di Arturo Rocca «É necessario far fare ai politici scelte ben precise: il sistema della fitodepurazione, ad esempio, che è perfettamente naturale perché si avvale dell’aiuto delle piante. Se provassimo a dare un segnale attraverso la piattaforma Step, che rappresenta una forma di condivisione delle scelte, metteremmo in crisi chi tende a prendere in mano le situazioni di interesse collettivo per decidere in circoli ancora ristretti».

Ed è ai giovani che si rivolge il presidente Rosario Rocca «Oggi si è parlato di uno strumento importante, che consentirà agli amministratori e ai giovani di avviare una collaborazione sinergica; la Associazione dei Comuni della Locride aggrega tutti i sindaci dei 42 Comuni, un territorio molto vasto che parte da Palizzi e arriva a Monasterace. Ritengo che i sindaci, persino quelli più giovani, vivano in uno stato di isolamento, per questo avvalersi delle petizioni online sarebbe importante, per mettere l’accento su tutto ciò che potrebbe sfuggire agli amministratori. Quindi più democrazia e più partecipazione significherebbe governare avendo accanto la comunità. Essere protagonisti delle scelte assieme ai cittadini. La comunità della Locride sarebbe più forte se sposasse una visione diversa: quella dei suoi giovani».

A supportare gli interventi il team di Step che ha spiegato ai presenti come scaricare e utilizzare l’app, gratuita e già disponibile sugli store. Inoltre, per i giovani che nella fase test utilizzeranno in modo appropriato la piattaforma, sono stati previsti dei premi regalo da utilizzare su Amazon.

Entre il mese di maggio la piattaforma sarà presentata alla città metropolitana mentre a fine mese giungeranno nella Locride i rappresentanti degli enti partner del progetto europeo.

 

Le app di Step possono essere scaricate gratuitamente dai seguenti link:

Android: https://play.google.com/store/apps/details?id=com.step.green&hl=en

IOS: https://itunes.apple.com/bs/app/step.green/id1131173344?mt=8

 

Facebook Comments

Di

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.