“L’urtimu mmorzu ‘i pani”

201

di Franco Blefari

 

Il 24 maggio 1993, alle cinque della sera, tornavo dall’Argentina per riabbracciarti per l’ultima volta, mentre ti stavi spegnendo nell’Ospedale di Locri e per chiederti……

“L’urtimu mmorzu ‘i pani”
*************************
C”u cori meu hjaccatu
e chjnu d’amarizza,
tornai pammi ti cercu
chist’urtima carizza.

M”a cinniri di maju
no ncarda cchjù li ossa:
sulu ‘i hjuri ennu vita
sup”a terra ‘i sta fossa.

Mamma, non ti ndi jiri
c”u jelu ‘nta li mani:
nammi, rridendu e stanca,
l’urtimu mmorzu ‘i pani.

( Da “Profondo Sud”; pp.368; Ardore; 2004 )

L'immagine può contenere: 1 persona, occhiali e primo piano
Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.