Mer. Apr 21st, 2021

 

Esistono dei luoghi in cui il tempo non sembra assolvere al proprio perenne compito; luoghi ove le emozioni e le sensazioni fanno da padrone rapendo l’animo di chi annovera la fortuna di frequentarli. Un serata sotto molti aspetti unica, quella tenutasi ieri sera presso l’anfiteatro di Bruzzano Vetere. La manifestazione organizzata dall’Associazione Culturale “Donn’Angela”, dalla Pro Loco di Bruzzano Zeffirio con il patrocinio dei Comuni di Bruzzano Zeffirio e Ferruzzano, ha letteralmente colmato i cuori di speranza e regalato momenti d’aggregazione sociale molto intensi. La kermesse letteraria dal titolo “Il Sud del mondo incontra il Sud Italia” ha fatto da palcoscenico incantato alla presentazione del libro “Incontri” di Laura Efrikian. L’artista in questione è sicuramente una donna che non ha bisogno di grandi presentazioni: attrice, personaggio televisivo nazionale e prima moglie del grande cantante italiano Gianni Morandi. Laura Efrikian si è dimostrata una donna di grande umanità e garbo. L’artista nel corso della propria esistenza ha fatto convivere nel proprio animo due importanti realtà: l’arte ed il grande bisogno di aiutare il prossimo. La Efrikian è da tempo impegnata nel sostegno dei bambini africani e nell’aiuto al disagio morale e sociale di queste popolazione. Il ricavato ottenuto dalla vendita dell’opera letteraria “Incontri”, realizzato di recente dalla Efrikian, servirà al concreto sviluppo di numerose idee e progetti, atti a lenire le difficoltà in cui versano le popolazioni africane. La manifestazione si apre con l’intervento della professoressa Maria Romeo, ex sindaco di Ferruzzano, che ha curato un sentito e valido saggio sull’artista ospite. Molto apprezzati anche gli interventi successivi ad opera del professor Sebastiano Stranges, di Carmine Verduci, Angela Vadalà e Giuseppina Rodinò. La moderatrice dell’evento è stata Maria Aurelia Gentile, che ha gestito la manifestazione con garbo e competenza. Evento nell’evento la performance canora dell’artista Bruno Panuzzo. L’esibizione dell’artista di Bovalino è stata un valore aggiunto ad una manifestazione già suggestiva di suo. Sono bastati tre brani intrepretati da Panuzzo: “Io che non vivo senza te”, “Guarda che luna” e “Let it be” a coinvolgere, infiammare ed entusiasmare il pubblico presente. Tutti i convenuti, spontaneamente, hanno intonato i ritornelli dei celebri brani proposti dal cantante. Panuzzo ha donato infine alla Efrikian una copia della sua ultima opera letteraria “Sanremo pallido fiore”. La manifestazione si conclude con l’intervento di Laura Efrikian, che riesce a coinvolgere emotivamente i presenti esortando, nel contempo, ad un analisi molto più ampia su quanto i bambini africani, siano costretti a subire quotidianamente. Una manifestazione di grande spessore culturale ed umanitario, che si conclude con la musica popolare del territorio eseguita da due giovani artisti locali. L’evento ha contribuito a valorizzare un luogo unico e suggestivo confermando, che non è necessario percorrere chi sa quali distanze per scoprire la bellezza di un luogo, o per assaporare il valore della cultura. Spesso quanto espresso si trova inaspettatamente a portata di mano ed a pochi passi da casa nostra. Complimenti ai giovani di Bruzzano! Missione largamente compiuta.

 

Facebook Comments

Di

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.