Ven. Ago 19th, 2022

La lotta agli incendi boschivi continua a tenere banco nella nostra Regione. Giornate da incubo quelle appena trascorse per il reggino. Ieri un incendio di vaste proporzioni si è propagato nella zona collinari del Comune di Scilla, in provincia. Non si registrano danni a cose o persone. Le fiamme hanno lambito anche le carreggiate dell’A2-Autostrada del Mediterraneo, che è stata chiusa al traffico temporaneamente. Stop alla circolazione di veicoli anche sulla Statale 18 Tirreno inferiore, nel tratto tra Scilla e Villa San Giovanni. Sul posto sono intervenute le squadre dei vigili del fuoco e di Calabria verde. Molto probabile la natura dolosa del rogo. L’incendio si è diffuso fino ad arrivare a pochi metri dall’Ostello della gioventù, struttura comunale di accoglienza turistica che a breve dovrebbe avviare la propria attività. I vigili del fuoco sono riusciti a evitare che le fiamme raggiungessero la struttura. Altri incendi di proporzioni più piccole sono divampati in diverse zone della Costa Viola. Il gran caldo e il vento di queste ore favoriscono il propagarsi dei roghi che, è bene ricordarlo, sono quasi sempre di natura dolosa. La situazione più critica nella fascia tirrenica, sulla Costa Viola, nei territori di Bagnara Calabra, Sant’Eufemia e Scilla. I Vigili del Fuoco sono stati impegnati anche in un rogo che si è propagato tra Scilla e Reggio Calabria fino a lambire quasi le abitazioni. Intervenuti tre squadre dei vigili del fuoco e mezzi aerei della Portezione Civile. “Purtroppo ancora oggi dobbiamo riscontrare che la Regione Calabria non ha, ancora, stipulato la convenzione per la lotta agli incendi boschivi con il Corpo Nazionale Vigili del Fuoco e, cosa ancora più grave, la fatidica firma sembra, pericolosamente, lontana” è quanto denuncia Massimo Conforti vice segretario regionale del CONAPO sindacato autonomo dei Vigili del Fuoco. “Purtroppo nella giornata di ieri la Calabria tutta ha continuato a bruciare ininterrottamente costringendo i vari comandi VV.F. a richiami in straordinario per poter far fronte alle molteplici richiesta di soccorso. Non si può più perdere tempo occorre agire ed in fretta”.

ALESSANDRA BEVILACQUA

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email

Di

CHIUDI
CHIUDI