Dom. Mag 9th, 2021

Un grande professionista, ricco di umanità, il professore Giuseppe Zampogna, vice presidente dell’Ordine dei Medici, che è stato primario del Pronto Soccorso di Locri, un vero e proprio “avamposto sanitario” nella Locride.

Il prof. Giuseppe Zampogna

Da oltre un mese si è pensionato e ha inviato una lettera, ai suoi collaboratori e colleghi che, val la pena, di essere pubblicata per intero:

Ai Sanitari e al Personale Infermieristico e Ausiliario – Pronto Soccorso H Locri

Carissimi,
Vi invio un messaggio di saluto che a voce mi procurerebbe tanta emozione.
Lo definisco saluto e non commiato in quanto virtualmente mi sento vicino a voi e fisicamente sarò al Vs. fianco nel momento in cui mi contatterete per qualsivoglia problematica.
Vi confesso che lascio, nonostante il mio contratto sia stato rinnovato previa verifica, dopo sette anni vissuti intensamente al accanto a Voi, e sono sicuro che sentirò molto la mancanza del contatto quotidiano che avevo con voi, comprendente gioie professionali dopo magari avere risolto un caso clinico delicato, serenità dopo avere sistemato e organizzato la logistica dell’attività lavorativa, condivisione di stress, magari per carenza di personale, per congestione continua in PS, per deficit strutturale e di comprensione da parte dei reparti di diagnostica e di degenza, per carenza di posti letto, per problemi ambientali e medico legali di cui mi sono sempre fatto carico, facendo da parafulmine per tutti.
Vi chiedo scusa se non sono riuscito spesso ad ottenere l’optimum che vi potesse garantire di svolgere la Vs. attività in sicurezza e serenità, ma sono tranquillo in quanto ci ho provato spendendo tutte le mie forze ed energie per ottenere ciò, risultati a parte.
Sono stati anni intensi vissuti in una terra bella ma tante volte amara, che mi hanno fortificato, che hanno completato il mio bagaglio culturale, professionale e umano sulla base di quello che avevo acquisito in tanti anni di attività svolti altrove, fortificandomi, temprando anche il mio animo e arricchendo i miei sentimenti.
Mi resteranno nel cuore tanti ricordi di vita convissuti con Voi e non nutro per Voi altro che tanto affetto che perdurerà in maniera perenne dentro di me.
Sono sicuro che continuerete bene anche senza di me, vista la Vs. professionalità e il vostro bagaglio culturale e Vi auguro di migliorarVi sempre, consigliandoVi di non fermarvi mai.
Anche io continuerò a svolgere la mia attività sanitaria a norma di legge, compresa la mia attività ordinistica che metterò sempre al Vs. servizio.
Auguro a Voi e alle Vs. famiglie tanta fortuna e serenità e non aggiungo altro, anche se avrei tante altre cose da scrivervi, se non che nutro per voi sentimenti di stima e amicizia.
Vostro Giuseppe Zampogna

Facebook Comments

Di

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.