Dom. Mag 16th, 2021

Claudio Mazza, presidente della FEE, l’organismo deputato ad assegnare le Bandiere Blu, risponde alle critiche che il vice presidente di Legambiente Calabria aveva mosso, supponendo addirittura che il vessillo ambientare avesse un prezzo. Il rappresentante di Legambiente, infatti aveva affermato in un pubblico convegno che si era svolto qualche giorno fa a Lamezia Terme, che per i comuni sarebbe bastato pagare 3500,00 euro per far sventolare l’ambita bandiera. La risposta arriva in esclusiva dai microfoni di Telemia, nel corso di un’intervista che Mazza ha concesso nell’occasione della cerimonia in cui veniva issata la “Bandiera Blu degli approdi” nel Porto di Roccella Jonica, unica struttura tra Calabria e Sicilia ad ottenere questo straordinario riconoscimento. Il presidente della FEE si è detto dispiaciuto che un’associazione ambientalista come Legambiente, tenti di demolire, con affermazioni false e tendenziose, l’immagine di un vessillo come la Bandiera Blu universalmente riconosciuto. Mazza ha definito ridicole le affermazioni riportate sulla stampa dell’esponente di Legambiente, affermando ironicamente che vorrebbe sapere come fanno i comuni ad iscrivere in bilancio il prezzo e con una battuta che: ” 3500 euro per comprare una bandiera Blu sembrano davvero poche”.

Giuseppe Mazzaferro  – redazione@telemia.it

Facebook Comments

Di

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.