Monasterace: Scalzi per la grazia dietro la statua in processione

351

Festeggiamenti civili e religiosi per Maria Santissima di Portosalvo. Una gigantografia della Vergine nel quartiere di Lombrosi.

Monasterace come ogni anno rinnova una tradizione ultracentenaria come la festa di Portosalvo in un evento festoso che come da tradizione viene celebrato l’ultima domenica di giugno,
Il rito religioso domenicale ha vistio la celebrazione euraristica presso la chiesa di San Giuseppe Lavoratore presieduta da presieduta da don Francesco Passarelli e da don Mario Macrì padre predicatore giunto da Assisi. La statua poi è partita in processione, accompagnata dalla banda Francesco Cilea, dalle autorità civili rapprasentate dal sindaco Cesare Deleo da quelle militari con l’Arma dei Carabineri e la guardia costiera, con la polizia locale di Monasterace a garantire la sicurezza sul percorso e il gruppo Cri comitato locale per il supporto medico e l’associazione di protezione civile il “Castello”. Due le novità di quest’anno: le tre confraternite del borgo, del Rosario, di San Nicola e Santa Caterina giunte a Monasterace per la processione, la presenza dei portatori ufficiali della statua con tanto di maglia e pettorina. Molto suggestivo il passaggio in una Lambrosi in cui è stata disegnata una gigantografia della statua di Maria Santissima ed addobbata a festa. Lambrosi è anche il quartiere dov’è nata e cresciuta Francesca Marina giovane monasteracese, ripresasi, quasi miracolosamente dopo il terribile fatto di cronaca di Torino, a lei è stata dedicata una preghiera molto bella da parte del parroco e durante il tragitto la nonna della ragazza ha voluto tributare il giusto omaggio alla statua di Maria Santissima di Portosalvo per aver “guidato” la ragazza sulla via della guarigione, presenti alla processiuone anche i padre e il fratello della giovane (che è ancora rimasta a Torino per le cure e che dovrebbe tornare a Monasterace tra una ventina di giorni). La fede è anche questo, e giustamente il parroco di Monasterace ha sottolineato come alcuni parenti stretti della ragazza hanno partecipato alla processione scalzi, come segno di riconoscenza per la grazia ricevuta. Un momento altrettanto intenso è stato, come sempre, quello in cui la statua è stata accompagnata a mare da una barca a disposizione della diocesi al cui timone c’erano come da tradizione i componenti della famiglia Muscolo. Poi dopo il passaggio a mare una breve omelia del parroco, di nuovo in processione in corso da Repubblica con la statua che è arrivata poi in serata in chiesa accompagnata nell’ultimo tratto come da tradizione dalle donne di Monasterace. Buon successo del programma civile con concerto de Quartaaumentata sabato sera, il teatro domenica con la compagnia di Grottera, fortemente voluta da don Francesco Passarelli che si è esibita in una commedia di De Filippo e lo spettacolo pirotecnico finale con i fuochi a mare. La festa dà quindi appuntamento alla prossima edizione al 24 giugno 2018.

VINCENZO RACO

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.