Lun. Ago 15th, 2022

“Nessuna contrapposizione tra la Regione e la cittadinanza di Siderno. Occorre trovare la migliore soluzione possibile a tutela delle esigenze di rispetto ambientale del nostro territorio. Questo, nella sostanza, è quanto emerge dall’incontro svoltosi il 1° Giugno scorso presso il Dipartimento all’Ambiente della Cittadella Regionale di Catanzaro a cui hanno partecipato, oltre all’Assessore Regionale al ramo Antonella Rizzo ed ai funzionari tecnici del medesimo dipartimento, anche i rappresentanti delle varie associazioni ambientalistiche cittadine ed alcuni consiglieri comunali, fra cui il nostro rappresentante Dott. Pietro Sgarlato ed il Sindaco di Siderno Ing. Pietro Fuda. Tutti hanno ribadito un secco no alla realizzazione, a Siderno, di un nuovo biodigestore per il trattamento dei rifiuti organici, posizione in linea con quanto deciso dal Consiglio Comunale del 28/04/2016 quando, con apposita delibera, tutte le forze politiche si opposero unanimemente alla costruzione di nuovi impianti ed a nuove attività chimiche. Proprio la mancata trasmissione, dal nostro Ente agli uffici regionali competenti, di quel documento così importante ma, di fatto, sconosciuto dalla Regione, genera  grandi dubbi e perplessità; a nostro avviso , si tratta di un episodio  davvero  sconcertante come, gravissimo, è quanto dichiarato pubblicamente dal nostro primo cittadino, lo scorso 30 Maggio, ad un incontro sui temi ambientali. In quella occasione il Sindaco Fuda, incalzato proprio dal nostro Consigliere Pietro Sgarlato, ebbe a dichiarare che il nuovo biodigestore, previsto dal Piano Regionale dei Rifiuti, sarebbe stato realizzato nel territorio di Reggio Calabria. Oggi, sappiamo che le intenzioni dei vertici regionali del settore erano chiare  e le decisioni prese del tutto diverse e ci chiediamo quali ragioni abbiano spinto il Sindaco di Siderno a fare affermazioni così “inopportune” sapendo che, nell’immediato, sarebbe stato smentito dai fatti. I piani della Regione prevedevano che l’impianto venisse realizzato a Siderno ed il nostro Sindaco lo sapeva benissimo. La situazione rimane, quindi, in continua evoluzione anche se la buona volontà dimostrata al tavolo tecnico svoltosi a Catanzaro lascia intravedere spiragli positivi. Occorre, tuttavia, tenere l’attenzione estremamente alta e vigilare affinché nessuna decisione venga presa senza il consenso dei soggetti interessati. Dal canto nostro, consci che la nostra città ha già pagato un prezzo altissimo dal punto di vista ambientale, abbiamo proposto che qualsiasi nuovo insediamento  venga realizzato lontano da Siderno, in aree distanti dai centri abitati, dove dovrebbe essere ricollocato anche il nostro attuale impianto per il trattamento dei rifiuti, ormai obsoleto e mal funzionante. Siamo consapevoli che la portata delle decisioni che verranno prese nei prossimi mesi sarà tale da incidere non soltanto sulla nostra salute ma, anche, su quella delle future generazioni e, quindi, che tutto ciò dovrà far crescere proporzionalmente l’attenzione che ogni cittadino deve tenere rispetto all’importanza del problema. Noi lo abbiamo capito ma, il nostro auspicio, è che lo abbiano capito davvero tutti; soprattutto i nostri bravi e valenti amministratori.

 

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email

Di

CHIUDI
CHIUDI