Dom. Ago 14th, 2022

La notizia che la società Engie voglia spostare la sua commessa dal Call & Call Lokroi di Locri a un call center in provincia di Lecce, lasciando 129 dipendenti della Locride senza lavoro,  è un fulmine a ciel sereno. Il Movimento LocRinasce non intende entrare nelle logiche manageriali che inducono Engie  a effettuare la suddetta manovra: purtroppo, sono ben note le motivazioni che spingono gli imprenditori a questi cambiamenti. LocRinasce rivolge l’appello alle Istituzioni territoriali e alle società di telemarketing che forniscono commesse al call center di Locri, affinché, prendendo adeguati provvedimenti, ognuno in funzione delle proprie competenze e responsabilità, possano evitare la prospettata riduzione di personale di  Call &Call Lokroi. Le Istituzioni territoriali, soprattutto quelle che hanno responsabilità di governo della Regione e della Città Metropolitana, si dovrebbero attivare tempestivamente per impedire, con provvedimenti adeguati, l’ulteriore, insopportabile sottrazione di lavoro da una comunità che è già allo stremo. Il Movimento LocRinasce, con la presente nota, unisce il suo appello a quelli già rivolti da tutte le forze sociali e religiose presenti sul territorio che testimoniano la gravità del provvedimento in corso di attuazione.  La mancanza di una soluzione alternativa a quella determinata da Engie getterà numerose famiglie nella disperazione e tutto questo non potrà essere socialmente metabolizzato in un territorio che fa registrare livelli di disoccupazione da terzo mondo.

 

 

Per LocRinasce

Il Coordinatore                                    Il presidente

Roberto Filippone         Raffaele Ferraro

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email

Di

CHIUDI
CHIUDI