Mer. Apr 21st, 2021

Uno dei temi più caldi che riguardano il territorio di Bovalino è quello relativo ai rifiuti. Problemi che ancora persistono, soprattutto sull’attività di Locride Ambiente che presto dovrebbe portare Bovalino alla raccolta differenziata.

È il gruppo consiliare di opposizione “Nuova Calabria”, guidato da Sandra Polimeno a chiedere lumi al sindaco Vincenzo Maesano ed all’assessore all’ambiente Cinzia Cataldo, attraverso una interrogazione con risposta scritta relativa all’appalto del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani in cui si chiede di conoscere «per quale motivo era stato disposto il pagamento integrale della fattura al gestore del servizio per il periodo maggio-giugno 2017 a fronte del mancato regolare svolgimento di quanto previsto nel capitolato d’appalto». «L’Amministrazione Comunale – rispondono Maesano e Cataldo – si è insediata a seguito delle elezioni dell’1 giugno e dalla data di insediamento al 30 giugno non ha ricevuto alcun rilievo riguardante inadempienze da parte di Locride Ambiente. Pertanto, non sussisteva ragione alcuna pregiudizievole all’emissione del mandato di pagamento per l’intera mensilità». Infine nella nota concludono «tutta questa complessa problematica sarà sottoposta alla valutazione del consiglio comunale che potrà dare gli opportuni suggerimenti perché il paese possa fruire di un servizio ancora migliore». Immediata la contro risposta di Nuova Calabria attraverso i social network: «Ringraziamo il sindaco e l’assessore all’Ambiente per la risposta scritta alla nostra interrogazione. Incredibilmente, prendiamo atto che l’amministrazione comunale ci risponde ufficialmente che non ha ricevuto alcun rilievo riguardo le inadempienze. Le contraddizioni sono evidenti». Nel frattempo l’Amministrazione Comunale ha reso noto il numero verde da contattare per la consegna di rifiuti ingombranti, servizio gratuito con il ritiro di tre pezzi per chiamata al numero 800.597673 oppure 0964.384847. Contestualmente è stata pubblicata anche un’ordinanza per il “divieto di abbandono rifiuti ingombranti“ con sanzioni fino a 3000 euro per i trasgressori.

(fonte Quotidiano della Calabria, Antonio Blefari)

Facebook Comments

Di

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.