3 Dicembre 2020

CATANZARO (4-3-3): Nordi; Zanini Sirri Gambaretti Imperiale (18’ st Marchetti); Benedetti Van Ransbeeck (32’ st Maita) Onescu; Cunzi Infantino (13’ pt Puntoriere) Falcone (32’ st Riggio). In panchina: Marcantognini, Icardi, Marin, Spighi, Kanis, Pellegrino, Lukanovic. Allenatore: Erra

CASERTANA (4-3-3): Benassi; Finizio Lorenzini Rainone D’Anna; Carriero Rajcic (30’ st Tripicchio) De Marco; Alfageme Marotta Padovan. In panchina: Avella, Donnarumma, Ferrara, Forte, Santoro, Minale, Visconti, Polak. Allenatore: Scazzola

ARBITRO: Perotti di Legnano

MARCATORI: 25’ pt Cunzi (CZ), 31’ pt Falcone (CZ), 8’ st Alfageme (CE)

NOTE: 5mila circa. Al 27’ espulso Zanini (CZ) per gioco scorretto. Al 37’ st Padovan (CE) viene allontanato dal terreno di gioco per doppio giallo. Ammoniti: Sirri (CZ), Rajcic (CE). Recupero: 3’ pt, 3‘ st

CATANZARO – I giallorossi non steccano all’esordio e davanti ai propri tifosi centrano la prima vittoria stagionale. La partita prende la piega desiderata già nella prima frazione di gioco. A nulla è valsa la rete di Alfageme all’inzio della seconda frazione di gioco.

Una grande cornice di pubblico ha accompagnato la squadra del presidente Floriano Noto (foto pagina facebook della Casertana). Il Catanzaro si schiera con il 4-3-3 con il tridente Cunzi-Infantino-Falcone. La Casertana opta per lo stesso modulo di gioco con Rajcic al centro del rettangolo di gioco e con Alfageme e Padovan a supporto della punta centrale Marotta.

GIALLOROSSI PROPOSITIVI IN AVANTI

La formazione allenata da Alessandro Erra parte subito in avanti. Al minuto 5 il centravanti Infantino cerca una forte conclusione: l’estremo difensore Benassi para senza particolari problemi. I campani si fanno vivi al 9’ grazie a Marotta che prova ad involarsi verso la porta. Il centravanti, però, viene fermato dalla retroguardia giallorossa.

Al minuto 13 Infantino si fa male e al suo posto entra il giovane Puntoriere. La Casertana non molla la presa e con Alfageme fa tremare i presenti al “Ceravolo”. Ma è al minuto 25 che il match si sblocca in favore del Catanzaro. Dopo un’azione confusa Cunzi è lesto nel depositare la palla in rete. La squadra di Erra continua ad insistere e al 31’ raddoppia con Falcone su colpo di testa. Sul finire della prima frazione di gioco Zanini sfiora il tris: la conclusione termina alta. Anche i rossoblù sfiorano la rete con Alfageme che si vede respingere la palla da Nordi.

L’INGENUITÀ DI ZANINI E QUELLA DI PADOVAN

Nella ripresa la formazione di Scazzola parte decisa e con D’Anna da calcio d’angolo sfiora la marcatura. Al 7’ si riaprono i giochi con Alfageme di testa. I campani si vedono annullare una rete di Marotta per sospetta carica sul portiere. I rossoblù tentano la via del pari e colpiscono una traversa con un colpo acrobatico di testa ad opera di Marotta. Al minuto 27 Zanini a palla lontana commette un’ingenuità ai danni di Marotta. Perotti di Legnano opta per l’espulsione del difensore. In avanti anche Padovan, per la troppa foga, commette il secondo fallo che gli costa l’uscita dal terreno di gioco.

FINALE MOVIMENTATO DA ENTRAMBI I LATI

Gli uomini di Scazzola nel finale ci provano nuovamente con Marotta. Il centravanti la mette al centro ma nessun compagno si fa trovare pronto permettendo così a Nordi di bloccare. Il Catanzaro riesce così a controllare le sorti dell’incontro portando a casa una vittoria incoraggiante e che fa ben sperare per il futuro.

Facebook Comments

Di

CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.