Fontane secche a Soverato: l’appello di una telespettatrice di TeleMia

333

“Abito a Soverato, il problema per cui Vi scrivo è la mancanza di acqua a Soverato, Vi pregherei di non pubblicare il mio nome, non voglio ritorsioni.

Questo persiste da anni, non è legato alla siccità di questi ultimi anni, sono almeno 40 anni che questa cittadina nei mesi estivi soffre la sete, nonostante a detta di chi di competenza le nostre montagne scoppiano di acqua. Naturalmente chi ne ha la possibilità ha messo l’autoclave, chi non può per varie ragioni soffre, dalle 8 di questa mattina non abbiamo acqua e chissà quando La rivedremo, non vorrei che si verificasse lo stesso disagio degli anni scorsi quando l’acqua andava via alle 8 di mattina  e ritornava dopo le 24. Mettetevi nei panni di chi ha persone anziane malate, non ci sono fontane pubbliche, ma non c’è nemmeno la forza sia fisica sia monetaria per andare a comprare acqua necessaria e sufficiente a soddisfare le esigenze di una famiglia. L’acqua in realtà manca in tutto il paese perchè ogni volta che ho scritto sul web, ho avuto altre adesioni a quanto scrivevo, però siamo una popolazione che stiamo zitti, altrimenti le cose si sarebbero risolte già dalle precedenti amministrazioni. Abbiamo informato il comune, che ci ha risposto che non ci sono guasti ma ” che c’è molta gente al mare”, “che l’acqua si paga al consumo quindi non usufruendone non La paghiamo, quindi siamo fortunati”. Si potrebbe pure trattare di maldistribuzione, ma nessuno interviene lo stesso a risolvere un problema quarantennale. Negli scorsi anni rispondevano peggio, del tipo “i tubi sono stretti”, oppure “non è vero che manca l’acqua”, stranamente i tubi si allargavano per poche ore la notte e si stringevano alle prime luci dell’alba. Non hanno nemmeno la decenza di avvertire la popolazione che ad una data ora tolgono il servizio. Lo scorso anno ho fatto pure un esposto alla Procura della Repubblica, affinchè intervenissero per vedere che fine fa l’acqua e cercare di risolvere il problema. Abbiamo alle porte il fiume Ancinale, e l’acqua si sta riversando a mare, abbiamo gli zampilli nella villa comunale per far giocare piccoli e grandi, abbiamo il lungomare nuovo di zecca, non abbiamo acqua nelle case nemmeno per lavarci le mani. Vi scrivo perchè a Roma giustamente è stato fatto un gran casino, e infatti hanno risolto il problema senza chiudere l’acqua e far soffrire la popolazione, qui invece non c’è opposizione non c’ è informazione, sappiamo solo che ci alziamo al mattino presto e da un minuto all’altro l’acqua va via, come mi è capitato sono rimasta sotto la doccia con il sapone, conseguenza uscire fuori andare a comprare acqua in bottiglia, tornare in vasca e lavarmi con le bottiglie. Ribadisco le parole della Lorenzin Ministro della salute, può scattare l’emergenza sanitaria. Ma a Soverato non si deve parlare di questo problema ma solo di MOVIDA, poi se qualcuno soffre non fa niente.

Ringrazio per l’attenzione chi vorrà aiutarmi e aiutare altre persone che non hanno voce”.

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.