Lun. Apr 19th, 2021

Nelle sue ultime uscite, il presidente Carbone ha pesantemente attaccato i “Boys ‘78”, il gruppo organizzato della tifoseria neroverde. Non sappiamo per quale motivo il sig. Carbone abbia deciso di dichiararci “guerra” ma, certamente, non saremo noi a deluderlo e, pertanto, risponderemo pan per focaccia.

Partiamo dall’argomento più delicato, il titolo della squadra.

“Caro” Presidente, si ricorda quante volte ha detto negli ultimi 5 anni la Palmese non appartiene a nessuno se non all’intera città e cittadinanza ? Beh, nemmeno noi, in quanto abbiamo perso il conto per tutte le volte che lo ha detto. All’ultima conferenza stampa, però, preso dal delirio di onnipotenza, se n’è uscito con a storia che il titolo appartiene a Lei e quindi ne può disporre a suo piacimento paventando, così, l’orrbile idea di venderlo a chissà chi (sempre se non lo già venduto). Molto coerente da parte sua. E quelli che Lei ha definito i veri tifosi della Palmese, non i Boys quindi, ma quelli che, come tanti lecchini lo  applaudono a ogni conferenza stampa, come mai non si sono indignati e schifati ascoltando una dichiarazione del genere ? Dov’è finito tutto il loro amore per i colori neroverdi dal momento che sono rimasti in silenzio, senza controbattere e dire che il titolo non si muove da Palmi ?

Argomento squadra

Lei ha dichiarato che la Palmese negli ultimi 5 anni (sotto la sua gestione quindi), come risultati, è stata la migliore squadra calabrese, seconda solo al Crotone ma solo perché milita in serie A. Ebbene, ricordiamo a tutti che nel girone di ritorno della stagione 2015/16 abbiamo fatto solo 7/8 punti circa, il chè ci  ha portato a dover disputare il 23 maggio 2016 lo spareggio salvezza contro il Marsala. Spareggio vinto solo perché abbiamo incontrato una squadra che era con le famose “pazze al culo” peggio di noi. E infatti, dopo neppure un anno, la squadra siciliana è fallita. Avessimo avuto un altro avversario, qa quest’ora eravamo in Eccellenza, altro che derby col Messina nella stagione che verrà.

Argomento società

Una società seria che si rispetti, non viene condannata a pagare le vertenze in quanto MANTIENE gli impegni economici presi con i giocatori. E invece sono stati costretti, i VERI TIFOSI, a soffrire e rischiare infatti per le famose sceneggiate napoletane a cui hanno dovuto assistere nel mese di giugno con il discorso iscrizione perché, come tutti ben sanno, se una società ha debiti, non viene iscritta alla categoria di appartenenza rischiando, così, il fallimento. Nel caso nostro, avreste mandato in fumo ben 105 anni di storia !

Argomento giocatori

Forse è l’unica volta che Lei, caro Carbone, ha ascoltato un consiglio dei Boys, ovvero di allestire una squadra di giocatori pronti a correre e sudare la maglia, a differenza di molti mercenari (vedi la partita di Castrovillari, l’ultima giornata del campionato scorso), perché ai tifosi “fasulli” dei Boys non importa la categoria in cui gioca la Palmese o il nome del giocatore che indossa la maglia neroverde, come invece importa ai “veri” tifosi. Ma, come al solito, ci deve essere l’inghippo. Invece di prendere giovani talenti dela zona, risparmiando, in questo modo, sulle spese relative agli affitti, ristoranti ecc., (dal momento che Lei si è sempre lamentato di essere solo e di non poter più sopperire alle eccessive spese), siete andati a prendere quasi tutti ragazzi di Cosenza. Nulla togliendo ai giovani per carità, ma ci resta solo da cambiare la maglia. La facciamo rossoblù e poi ci possiamo chiamare Coselmese.

Finora abbiamo tacito per il bene della Palmese e perché siamo convinti che i panni sporchi si avano sempre in casa. Ma, nell’ultima conferenza stampa, ha proprio esagerato presidente. Ha deciso di mettersi contro chi invece avrebbe dovuto tutelare per primi i Boys Palmi ’78! Si, proprio loro, quei tifosi di “buon tempo” che le domeniche si fanno migliaia di km, si sgolano e rischiano diffide e tant’atro solo ed esclusivamente per non MAI mancare il sostegno a quei magici colori senza mula chiedere in cambio, a differenza dei “VERI” tifosi palmesi, quelli che, quando la Palmese gioca in trasferta, si stanno comodamente seduti nelle poltrone di casa loro è, per le partite casalinghe, entrano al campo nel secondo tempo per pagare il biglietto.

BOYS PALMI ‘78

Facebook Comments

Di

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.