Lun. Apr 19th, 2021

Prime indicazioni dal campo, tra note positive e qualche punto interrogativo. La Cittanovese si appresta a chiudere la seconda settimana di preparazione precampionato con le idee più chiare rispetto a quello che sarà il futuro del progetto tecnico. L’amichevole di mercoledì scorso, vinta contro il Bocale per 3-1, ha messo in mostra punti di forza e limiti della rosa a disposizione di mister Domenico Zito. Aprendo possibili scenari di mercato fino ad ora inaspettati. Ma andiamo con ordine.

Il ragionamento parte dalla defezione dell’attaccante Sergio Cucchiara, ormai ai saluti dopo dieci giorni di allenamento. Per lui problemi fisici e una probabile lunga degenza che spinge i giallorossi sulle tracce di un bomber da doppia cifra. Missione non facile per gli uomini mercato della Cittanovese, alle prese con i vicoli di budget. Tra i pali i giovani Laganà e D’Agui stanno rispondendo positivamente alle sollecitazioni, ma si aspettano conferme anche da Salvatore Palumbo, lo scorso anno a Campobasso. Per lui potrebbe arrivare la firma nelle prossime ore. Il reparto difensivo è al completo, così come il settore mediano del campo, Su quelle zone l’arrivo di Lavilla ha chiuso la parentesi degli ingaggi.

Ora bisognerà capire se il mosaico è davvero completo. Da dove si parte ? Anzi tutto dalla solidità degli under, che stanno dimostrando un approccio importante all’esperienza giallorossa. Ci sono poi i senatori, sui quali poco c’è da aggiungere, perché il livello è chiaramente di categoria interregionale. E allora, gli occhi rimangono puntati sull’attacco. Lì manca la prima punta. Il nome di Ortolini continua a girare nell’ambiente, ma senza riscontri concreti. Oggi pomeriggio la Cittanovese conoscerà la composizione del Girone I della serie D e l’accoppiamento per il preliminare di Coppa Italia. Un passaggio che sa di storia e che potrebbe generare ulteriore entusiasmo da riversare nelle attività di mercato.

(fonte quotidiano del sud)

Facebook Comments

Di

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.