Ven. Mar 1st, 2024

Ambito riconoscimento riservato ai poeti dialettali. Premio alla carriera al garante per l’infanzia Antonio Marziale.

Continua dopo la pubblicità...


Calura
StoriaDiUnaCapinera
Testata
RistoroViandante
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Tutto pronto per la cerimonia del “Giomo Trichilo”, premio di poesia dialettale giunto alla quattordicesima edizione. I riflettori si accenderanno sabato a partire dalle 21 in piazza Vittorio Veneto. Anche quest’anno sono state tantissime le adesioni al concorso di poeti residenti in ogni parte della regione ma anche del Nord Italia. Tre le poesia vincitrici che saranno rese lette dagli autori nella serata finale, che vedrà pure la consegna del premio alla carriera al dott. Antonio Marziale, garante l’infanzia della Regione Calabria.

Giusto ricordare che il premio “Giomo Trichilo” negli anni ha ospitato alcuni grandi personaggi della cultura popolare calabrese. Tra altri Rocco Ritorto (che è stato per tanti anni il presidente di giuria), il noto poeta di Pazzano, Giuseppe Coniglio, Paolo Catalano (autore di grande valore), il meridionalista Pasquino Crupi, Salvatore G. Santagata, il caporedattore della Rai Enzo Romeo, Franco Blefari, l’ex direttore del Tg Rai Domenico Logozzo, l’autore dialettale Toto Mediati, l’editore di Reggio Tv e assessore provinciale Eduardo Lamberti Castronuovo, Carmelo Filocamo, il giornalista Rai Gregorio Corigliano, lo scrittore Mimmo Gangemi e il sindacalista Luigi Sbarra. Tutti personaggi, nei loro campi, di grande spessore.

L’ormai consueta rappresentazione teatrale finale, quest’anno sarà messa in scena dalla Compagnia Atrj di Roccella Jonica, e sarà la commedia brillante in tre atti “A Ruga Vecchia – Ciopa” scritta e diretta da Pino Carella.

L’ idea del premio dialettale è nata quattordici anni fa, quando l’associazione culturale l’Eco di Siderno, diretta da Antonio Tassone, decise di dedicare una serata al poeta dialettale Giomo Trichilo, un analfabeta che riusciva a comporre versi in rima di eccezionale valore letterario, un semplice “bovaro” chiamato da giudici, notai e politici per allietare le loro serate con viviali.

Con passare degli anni la manifestazione si è allargata e si è ritagliata un suo spazio significativo nell’ambito degli avvenimenti culturali della Locride. La serata finale sarà presentata da Ugo Mollica.

ARISTIDE BAVA

Print Friendly, PDF & Email

Di