CONSIGLIO REGIONALE: CALL&CALL LOCRI E SICURCENTER IN PRIMO PIANO

353

Ieri, l’aula del Consiglio regionale ha provveduto ad approvare all’unanimità due mozioni  a sostegno di delicate vicende umane e professionali che hanno caratterizzato i recenti principali fatti di cronaca della Calabria.
I documenti a favore di iniziative improcrastinabili a difesa dei lavoratori del Call & Call di Locri e della Sicurcenter impiegati all’aeroporto di Reggio Calabria, hanno trovato il loro giusto accoglimento da parte di tutti i consiglieri regionali, al di là dell’appartenenza politica di partito e dei campanilismi territoriali, e la piena condivisione sulla necessità che la Calabria ha il dovere di tutelare ogni singolo posto di lavoro, in ogni sede istituzionale preposta e con ogni mezzo legittimo.
La vicenda assurda delle famiglie di Locri, vittime di strategie aziendali decise lontano dalla Calabria, trovano oggi il giusto spazio nei lavori svolti dall’Assemblea regionale e che, riponendo nuova speranza nell’unanime consenso politico bipartisan.
Così anche per le famiglie dei già licenziati operatori di sicurezza della Sicurcenter S.p.A.
Due diverse vicende, con un drammatico comun denominatore, oggi si ritrovano al proprio fianco due strumenti di indirizzo politico, importanti per le famiglie interessate e determinanti nel catalogare primarie TUTTE le problematiche legate al mondo del lavoro in Calabria.

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.