ECCELLENZA | LOCRI, COLUCCIO FIRMA IL RISCATTO. REGGIOMED, LA VOLONTA’ NON BASTA

487

Gli amaranto di Scorrano fanno valere la migliore organizzione. I padroni di casa pagano a caro prezzo l’unica distrazione difensiva.

Grandissimo interesse in questa stagione per il campionato d’eccelenza calabrese. Se già alla seconda giornata nessuna squadra è a punteggio e nessuna squadra è rimasta a zero, vuol dire che il livellamento è maggiore e che la lotta per il vertice e la salvezza sarà molto aspra. Lo dimostra la gara tra la Reggiomediterranea, reduce da una vittoria esterna, ed il Locri, reduce da una sconfitta casalinga. L’opposta voglia di fare risultato ha reso la partita molto interessante, con marcature aggressive ed un ritmo alto.
Scorranto e Carella avevano interessi contrapposti, ma tanta voglia di vicere. Già dai primi minuti le squadre hanno mostrato tutta la loro compattezza, con marcature asfissianti e difese arcigne. Parte deciso il Locri, in favore di vento, e conquista campo costringendo i locali a rifugiursi nella propria metà campo.
Il primo sussulto giunge al 9′. Primo calcio d’angoo del pomerggio in favore degli ospiti con palla per Castellano che impegna per ben due volte il portiere Cannizzaro. All’ 11′ il “volpone” Iervasi vede Cannizzaro fuori dai pali e prova e beffarlo. Palla fuori di poco. Al 24′ infortunio ad Artuso che costringe Carella alla sostituzione con Barbuio, perdendo pareccgio in fase di copertura. Al 25′ Khoris si fa vedere e di testa manda alto. Al 27′ ancora Castellano, buona la sua padronanza, ci prova da 30 metri ma il suo tiro va fuori.
Al 40′ si fa vedere la squadra locale. Conquista una punizione Zappia, la batte capitan Candido, ed in area locrese una deviazione manda la palla a sfiorare il palo alla destra di Galluzzo.
Nella ripresa il vento cala ma aumenta l’iniziativa dei locali che giocano alla pari dei più quotati avversari. Al 50′ scontro aereo Zappia-Dascoli con il primo che ha la peggio e rientra dopo qualche minuto.
Al 63′ la svolta. E’ l’esperto Coluccio che esce palla al piede dalla sua difesa, imposta sull’azione fin dentro l’area avversaria.
La difesa locale si fa trovare spiazzata, non chiude per tempo sul passaggio in profondità e per Coluccio diventa facile battere Cannizzaro con un preciso diagonale.
Si allungano i ragazzi di Carela nel tentantivo di pareggiare e per Khoris, soprattutrto, si aprono immense praterie per contropiedi devanstanti. Peccato che la rapidità prima. e la precisione dopo, gli fanno perdere due favorevoli occasioni. Si fa sempre più insistente la spinta dei locali che al minuto 84′ impegnano ancora con Candido, sempre su punizione, Galluzzo che para.
La volontà non basta ai locali. Basta invece la compatezza difensiva agli ospiti, che portano a casa un importante vittoria. Felici il centinaio di tifosi locresi al seguito. Per i locali una sconfitta immeeritata per quanto fatto vedere fino a centrocampo.
Per ospiti una delle tante partite in cui bisogna capitalizzare ogni gol segnato, trasrmandolo in vittoria.

ANTONIO POLITO

Formazioni ufficiali A.S.D. Reggiomediterranea 1986 – A. C. Locri 1909

ReggioMed.: Cannizzaro, Mallamaci, Tripodi, Morabito, Marcianò, Cazzola, Caruso, Zappa, Giovinazzo, Candido, Artuso; All. Carella

A. C. Locri 1909: Galluzzo, Coluccio, Castellano, Iervasi, Dascoli, Khoris, Ruggiero, Bruzzese, Siano, Foti, Costabile; All. Scorrano

marcatore: 18 st Coluccio (L)

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.