Dom. Apr 11th, 2021

Per tutelare il personale della Call&Call di Locri (Rc), i deputati M5s Davide Tripiedi e Dalila Nesci hanno presentato una specifica interrogazione ai ministri dell’Economia e dello Sviluppo Economico. I due parlamentari hanno chiesto se si possano evitare «gli annunciati licenziamenti dei sopraindicati 128 lavoratori» e se i ministri interrogati «non intendano assumere iniziative volte a prevedere un piano di ricollocamento» per i dipendenti che dovessero finire in disoccupazione. Nell’atto di sindacato ispettivo, i 5telle hanno precisato che, «secondo i sindacati e le Rsu che stanno seguendo la vicenda, gli annunciati licenziamenti non sono causati da crisi economiche od occupazionali dovute a mancanza di lavoro, ma dalla decisione dell’azienda e dalla volontà di Engie Italia che, per problemi a suo dire logistici, hanno deciso di abbandonare la Locride». «Questa è una situazione – afferma Nesci – in cui lo Stato non può temporeggiare o accettare passivamente le logiche del mercato. Occorre che i ministri competenti verifichino gli strumenti e le possibilità per salvare o ricollocare i lavoratori a rischio, perché restare senza reddito nella Locride significa diventare potenziali “dipendenti” della ‘ndrangheta. Un vero cantiere per la Calabria deve iniziare dalla salvaguardia dei posti di lavoro».

Facebook Comments

Di

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.