MARINA DI GIOIOSA JONICA : I PRESIDI DEL LIBRO e San Francesco di Paola di Giuseppe Caridi

359

I PRESìDI DEL LIBRO

MARINA DI GIOIOSA JONICA

San Francesco di Paola di Giuseppe Caridi

COMUNICATO STAMPA

08.09.2017

La presentazione dell’ultimo lavoro di Giuseppe Caridi, ordinario di Storia Moderna all’Università di Messina e Presidente della Deputazione di Storia Patria della Calabria, ha segnato la ripresa delle iniziative culturali della Biblioteca Comunale “Mario Pellicano Castagna” di Marina di Gioiosa Ionica. L’iniziativa, frutto della collaborazione tra la Biblioteca stessa, la Parrocchia di San Nicola di Bari e i Presìdi del Libro di Marina di Gioiosa, ha avuto al centro lo studio del prof. Caridi su San Francesco di Paola, un volume dal sottotitolo assai significativo, “Un Santo europeo degli umili e dei potenti”.

Dopo i saluti del Sindaco,  avv. Domenico Vestito, che poi ha moderato la serata,  è intervenuto Don Massimo Nesci, da poco nuovo Parroco della cittadina.

È seguita l’introduzione del prof. Vincenzo Naymo, deputato di Storia Patria della Calabria, il quale ha prima tracciato un profilo dell’autore e poi ha svolto una lettura approfondita delle principali caratteristiche dell’opera.

Ha quindi preso la parola il prof. Caridi che ha passato in rassegna una serie di importanti avvenimenti della lunga esistenza del Santo; la prima lunga parte di essa, dal 1416 al 1483, egli la visse in Calabria dove si occupò tra l’altro della costruzione dei primi eremi. In questo periodo, l’occupazione principale insieme alla vita ascetica e alla preghiera fu il contatto con i più umili, categoria  che all’epoca costituiva la gran parte della popolazione; in questa fase della sua vita si manifestò il carattere fondamentale della sua personale condotta sempre connotata da grande austerità e ossequio alla vita quaresimale; vita che si concretò anche nella fondazione dell’Ordine dei Minimi.

La seconda parte della sua esistenza ebbe un carattere nettamente diverso. Egli la trascorse presso la Corte di Francia, dove, su ordine del Papa, si dovette trasferire. Il Re. Secondo il racconto delle cronache del tempo, scandagliate con scrupolo scientifico dal prof. Caridi, il Re, Luigi XI, lo accolse “con grande onore ed espansioni di gioia” e, a dimostrazione del suo massimo rispetto, addirittura <<si inginocchiò ai suoi piedi come se fosse il Papa>>.

Dopo l’intervento, il Prof. Caridi ha risposto ad una serie di domande poste dal numeroso e qualificato uditorio.

Alla fine della serata, i responsabili dei Presìdi del libro, hanno annunciato la Festa dei Lettori, che si terrà domenica 1° ottobre a Marina di Gioiosa e che quest’anno avrà per tema il mare.

Francesco Macrì

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.