3 Dicembre 2020

Le celebrazioni in onore della Madonna della Consolazione, tradizionalmente festeggiata a Junchi la seconda domenica di settembre, prevedono quest’anno un’agenda fitta di appuntamenti non solo religiosi, ma anche civili. Oltre alla novena e alla messa pomeridiana quotidiana dall’1 al 9 settembre, alla veglia di preghiera la sera di sabato 9 settembre, alla processione della statua della Vergine, seguita dalla Messa solenne domenicale alle 18, con cui culmineranno i momenti di raccoglimento religioso, si prevede infatti un programma che si svilupperà all’insegna di un intelligente recupero dell’identità tradizionale del piccolo abitato, che si armonizzi con la sensibilità contemporanea.

La linea, già tracciata negli scorsi anni, ha visto la collaborazione fattiva di giovani e giovanissimi con gli storici organizzatori dei festeggiamenti per rinnovare una tradizione che era stata abbandonata per un breve periodo e che ha di nuovo raccolto il gradimento di un vasto pubblico, non solo di abitanti della contrada: consumare in compagnia la carne di capra, nel periodo dell’anno durante il quale è abitualmente macellata, non costituisce solamente un momento conviviale di grande allegria, ma si inserisce nella tendenza, ormai diventata un vero asse della cultura gastronomica contemporanea, a valorizzare i prodotti del territorio, preparati secondo ricette tradizionali. La sagra della capra ha avuto luogo giovedì 7, accompagnata da canti popolati, eseguiti fedelmente con gli strumenti della tradizione da giovanissimi interpreti.

Sabato 9 e domenica 10 sarà possibile trascorrere la serata per le vie, dove verranno allestiti alcuni stand di vendita e degustazione di prodotti tipici.

Domenica 10, alle 9 del mattino, al dolce suono delle zampogne che sfileranno per la contrada, si raduneranno i partecipanti al 1° Junchi Fitwalking: grazie alla grande sensibilità di Fausto Certomà, animatore dell’ASD Fitwalking Calabria, gli ormai numerosi amatori di questa disciplina sportiva, che coniuga un salutare sforzo moderato con il piacere della compagnia e dell’esercizio all’aria aperta, potranno conoscere Junchi e le zone circostanti, apprezzando il paesaggio lungo un percorso di alcuni chilometri.

Domenica pomeriggio, in attesa degli appuntamenti religiosi, si esibirà il complesso bandistico “Città di Mammola” dalle 17. La serata darà ai fedeli convenuti e a tutti i visitatori di Junchi anche occasione di approfondire la storia del villaggio rurale con Vincenzo Tavernese che alle 21 parlerà del lungo e tenace sforzo con cui i contadini del luogo riuscirono a ottenere l’istituzione della Parrocchia di S. Maria Vergine, presso la chiesa della Madonna della Consolazione, una storia non priva di sorprese e spunti di riflessione che, partendo dal 1835 e concludendosi nel 1948, abbraccia quasi un secolo. Infine alle 22 avrà luogo il concerto del cantante siciliano Nino Fiorello, apprezzato per il repertorio melodico, che avvierà a conclusione i festeggiamenti che culmineranno nello spettacolo pirotecnico, proposto dalla ditta Argirò.

Giorni di festa, quelli di Junchi, in cui la devozione cristiana alla Madonna della Consolazione si unisce all’amore per un territorio, su cui la Vergine da secoli stende il suo manto di protettrice, ricco di luoghi, tradizioni, memorie, che non attendono altro che essere riscoperti con la sensibilità del nostro tempo.

(fonte larivieraonline)

Facebook Comments

Di

CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.