Mar. Apr 20th, 2021

Ancora una volta il sospetto cala su un sogno. Hanno indagato il sindaco di Riace, Mimmo Lucano. Quello che la rivista Fortune aveva inserito come unico italiano nella lista delle cinquanta persone più influenti della Terra. Quello a cui Beppe Fiorello presterà il volto nella prossima fiction Rai. Quello che, invece di mangiare sui migranti, ha costruito un sistema in grado di farli mangiare, e non a sbafo. Il modello Riace. Il contrario dell’assistenzialismo che arricchisce i maneggioni della falsa carità. I soldi pubblici non più precipitati dentro un calderone opaco, ma usati per rivitalizzare le botteghe abbandonate del centro storico. Nessun parassita, tutti sul pezzo a imparare un mestiere. La formula dell’integrazione perfetta, studiata in ogni parte del mondo e adesso anche dai nostri magistrati, che sostengono di avervi visto cose poco chiare: fatture non giustificate, fondi non rendicontati.

Comunque vada, si masticherà amaro. Se Lucano risulterà colpevole, saremo stati traditi da un politico per l’ennesima volta. Ma anche se ne uscisse fuori immacolato – o responsabile soltanto di quei vizi formali con cui spesso in Italia si azzoppano gli slanci innovativi -, la sua disavventura giudiziaria avrà fornito un ottimo pretesto ai timorosi per non arrischiarsi a inventare qualcosa di nuovo e ai professionisti del cinismo per dire che i buoni non esistono e che quindi, poiché tutti fanno schifo, tanto vale che continuino tutti a farlo da impuniti. Non resta che aspettare: considerati i tempi snelli della giustizia, non più di trecentododici anni. Nel frattempo non svegliatemi.

Massimo Gramellini (Corriere della Sera)

Facebook Comments

Di

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.