Callipo guiderà l’Anci Calabria

419

Il sindaco di Pizzo votato dal 70% degli aventi diritto. «Lavorerò per coinvolgere tutti». Nei giorni scorsi le polemiche con Occhiuto. Bruno: «Sinergia con l’Upi, tante le battaglie comuni». Magorno: «Può contare sul Pd»

Tecnicamente non si tratta di una riconferma, ma nella sostanza ci si avvicina molto l’elezione di Gianluca Callipo alla guida di Anci Calabria. Il sindaco di Pizzo è stato votato dal 70% degli aventi diritto (147 su 205) durante l’assemblea congressuale che si è riunita lunedì mattina a Lamezia Terme. Callipo è stato eletto presidente regionale dell’Associazione che rappresenta i Comuni italiani con un voto unanime dei presenti; unanimità anche per il nuovo Consiglio direttivo composto da 30 membri.
Esponente del Pd di fede renziana, il sindaco di Pizzo ha già alle spalle un mandato alla guida dell’Anci giovani ed era stato indicato nel luglio scorso dal presidente nazionale Antonio Decaro quale rappresentante pro tempore dell’associazione regionale con il mandato di arrivare nel più breve tempo possibile al rinnovo degli organi statutari.
L’elezione di Callipo è stata preceduta da qualche polemica con alcuni big calabresi di Forza Italia, come il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto e l’omologo di Catanzaro Sergio Abramo, entrambi assenti alla votazione, che avevano ritenuto illegittima la convocazione dell’assemblea e avevano invitato il “collega” di Pizzo a rinviare il congresso degli amministratori locali. Dalla parte di Callipo si è invece schierato, tra gli altri, il presidente della Provincia di Cosenza Franco Iacucci.
«Sento il carico della responsabilità che mi è stata affidata da un numero così importante di sindaci calabresi – ha commentato Callipo – che hanno chiaramente espresso la volontà di ridare all’Anci regionale gli organismi previsti dallo statuto. Questo rafforza la nostra Associazione e farà sì che la voce dei Comuni calabresi possa arrivare in maniera forte ai livelli istituzionali sovracomunali, a partire dalla Regione. Lavorerò per garantire il massimo coinvolgimento di tutti».

BRUNO: SINERGIA CON L’UPI Auguri di buon lavoro a Callipo arrivano dal presidente dell’Upi Calabria, Enzo Bruno: «Sono convinto che insieme lavoreremo fianco a fianco per il rilancio del sistema delle autonomie locali calabresi, nell’interesse dei territori che vivono una difficile situazione economica e organizzativa tanto da mettere in discussione la qualità dei servizi ai cittadini – ha affermato il Bruno –. Upi e Anci assieme impronteranno in maniera sinergica un complesso di azioni positive volte a valorizzare le peculiarità e le istanze dei territori, a partire dalla battaglia comune per la modifica della legge di riforma Delrio che depotenziando le autonomie locali, a partire dalle Province, ha messo in discussione la tenuta sociale soprattutto delle comunità più deboli che siamo chiamati a tutelare. Una battaglia incisiva che deve essere realizzata coinvolgendo la deputazione calabrese alla quale ci rivolgeremo assieme per far sentire la voce dei territori». «Il complesso delle autonomie locali deve tornare ad essere, dal punto di vista economico e normativo, a come si delineava prima della legge finanziaria 190/2015 – dice ancora il presidente dell’Upi Calabria – solo in questo modo si potrà consolidare la tenuta di un sistema che garantisce la sicurezza dei cittadini e crea opportunità di sviluppo. Upi e Anci sono chiamate ad un impegno sinergico lungo un percorso comune nella interlocuzione con la Regione a partire da domani, quando siederemo al tavolo dell’Osservatorio regionale delle autonomie locali per affrontare una serie di problematiche non più rinviabili. Una convocazione – conclude Bruno – attesa da mesi che abbiamo sollecitato assieme proprio al termine di un incontro operativo tra Upi e Anci. Buon lavoro, quindi, a Gianluca Callipo per un nuovo corso dell’Associazione nazionale dei comuni in Calabria».

MAGORNO: PUÒ CONTARE SUL PD Anche il Pd Calabria «esprime un augurio di buon lavoro a Gianluca Callipo, oggi eletto alla guida dell’Anci calabrese, e a tutti i componenti del Consiglio direttivo». È quanto si legge in una nota firmata dal segretario regionale dem Ernesto Magorno. «L’elezione di Callipo – dice Magorno – sancisce un ritorno alla gestione ordinaria e democratica di un’importante istituzione, che dà rappresentanza agli amministratoti comunali della nostra regione. La scelta di Callipo, inoltre, è avvenuta praticamente all’unanimità, rafforzando il ruolo del neo presidente e dimostrando l’ampia convergenza nei confronti del sindaco di Pizzo e delle sue capacità politiche e istituzionali. Nella sua nuova missione, il presidente Anci potrà contare sul Pd Calabria, nella certezza che lavorerà per il bene dei territori calabrese e per rafforzare il delicato ruolo delle autonomie locali».

(fonte corriere della calabria)

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.