A Cinquefrondi, Puliamo il Mondo on the road con Legambiente, Anas e i cittadini della Piana.

180

Per la prima volta insieme per eseguire interventi di rimozione dei rifiuti agli svincoli di Cinquefrondi della S.G.C. S.S. 682.

Per i 25 anni di Puliamo il Mondo, la storica campagna autunnale di Legambiente per ripulire spazi pubblici dai rifiuti abbandonati, vede per la prima volta la collaborazione tra Anas e Legambiente. Insieme per eseguire interventi di rimozione dei rifiuti e pulizia di alcuni tratti o piazzole di statali o raccordi autostradali di competenza Anas.

Il Circolo di Legambiente Roccella Jonica – Costa dei Gelsomini, in collaborazione con Anas e i cittadini di Cinquefrondi si uniranno all’iniziativa nazionale svolgendo sabato 14 ottobre una tappa di “Puliamo il Mondo” alle uscite della S.S. 682 del Comune di Cinquefrondi. I volontari si incontreranno alle ore 9:00 al Parco Matteotti di Cinquefrondi e, dopo aver preso il loro kit Legambiente, si dirigeranno verso le zone di pulizia.

In una logica di sviluppo sostenibile del comprensorio, l’iniziativa è un’occasione per porre l’attenzione sul grave fenomeno, particolarmente diffuso sull’intero territorio nazionale, ma soprattutto nelle nostre zone, dell’abbandono illegale dei rifiuti sulle strade e in particolare sulle piazzole di emergenza.

La formazione di vere e proprie discariche a cielo aperto rappresentano non solo il degrado per la sede stradale e le aree circostanti, ma anche un serio pericolo per la sicurezza della circolazione veicolare.

“Dopo 25 anni di Puliamo il mondo questa collaborazione con Anas è quanto mai importante – dichiara la presidente di Legambiente Rossella Muroni – perché ci consente di portare il nostro intervento anche sulle strade statali. Purtroppo, ancora troppe persone, specialmente al Sud, hanno la pessima abitudine di abbandonare o addirittura lanciare dalla propria auto rifiuti per la strada. Come se le strade fossero micro discariche e non luoghi di transito per la comunità, patrimonio comune e, spesso, anche vie d’accesso a luoghi bellissimi. Confidiamo che la collaborazione con Anas sia l’inizio di una missione comune contro il problema dei rifiuti che affligge le nostre strade e il nostro territorio”.

Puliamo il mondo 2017 è realizzato con il patrocinio del ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, del ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, di UPI (Unione Province Italiane), Federparchi, Borghi Autentici d’Italia e UNEP (Programma per l’Ambiente delle Nazioni Unite). È l’edizione italiana di Clean up the world, il più grande appuntamento internazionale di volontariato ambientale che, nato a Sydney nel 1989, coinvolge ogni anno oltre 35 milioni di persone in circa 120 Paesi.

 

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.