Gioiosa Jonica: Modafferi del PD interviene in relazione al marciapiede in via Santa Tecla

370

Al Presidente del Consiglio Comunale di Gioiosa Ionica

Maurizio Zavaglia

Al Sindaco del Comune di Gioiosa Ionica

Salvatore Fuda

All’Assessore alla viabilità del Comune di Gioiosa Ionica

Luca Ritorto

 PREMESSO CHE:

– Gli enti proprietari delle strade, allo scopo di garantire la sicurezza e la fluidità della circolazione, devono provvedere:alla manutenzione, gestione e pulizia delle strade, delle loro pertinenze e arredo, nonché delle attrezzature, impianti e servizi; al controllo tecnico dell’efficienza delle strade e relative pertinenze; alla apposizione e manutenzione della segnaletica prescritta (art. 14 del Codice della Strada – D.Lgs n. 285 del 1992);

– le condizioni di molte delle strade comunali sono a dir poco disastrose per le numerosissime buche, per gli avvallamenti e le rotture del manto stradale o dei marciapiedi: sono delle vere e proprie aree di pericolo e d’insidia per il cittadino, con conseguente esposizione dell’Ente a possibili contenziosi miranti al risarcimento del danno per cadute o incidenti a causa di buche o fondi stradali non a norma;

– l’intervento di copertura provvisoria delle buche è spesso inutile e limitato nel tempo infatti la dismissione del manto stradale e i rattoppi provvisori creano situazioni di pericolo per l’incolumità soprattutto di pedoni.

CONSIDERATO CHE:

– numerosi cittadini lamentano lo stato di incuria e dissesto, con conseguente reale pericolo per i pedoni, in cui versa via Santa Tecla (davanti al supermercato DzSpaccio Alimentaredz): mancano interi pezzi di marciapiede ed in alcuni tratti, lo stesso è squarciato dalle radici degli alberi (foto in allegato);

– monitorare e, qualora necessario, riparare il manto stradale o i marciapiedi danneggiati significa non soltanto restituire bellezza alla città ma anche e soprattutto restituire sicurezza a tutti quei cittadini che, alla guida di mezzi o a piedi, rischiano ogni giorno di incorrere in gravi incidenti.

SI INTERROGA QUESTA AMMINISTRAZIONE PER SAPERE:

– se è a conoscenza delle condizioni di totale abbandono, precarietà e potenziale pericolo in cui si trova la via in oggetto;

– se e quali azioni intende intraprendere per ripristinare il marciapiede;

– se ha intenzione di trovare un rimedio e quale affinché le radici degli alberi siti lungo il marciapiede non distruggano i mattoni ostruendo o rendendo difficoltoso il passaggio.

Il Consigliere Riccardo Modafferi

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.