Sab. Gen 23rd, 2021

Studi e confronti sul tema “FERROVIA E CAMMINO DELLA MAGNA GRECIA, PATRIMONIO DELL’UMANITÀ” si sono tenuti a Locri nell’ambito di una iniziativa organizzata dall’Università Mediterranea di Reggio Calabria e dalla rete delle Associazioni FIBC-Ferrovia Ionica Bene Comune. L’obbiettivo è stato quello di confrontare opinioni e raccogliere contributi operativi sull’idea progetto di dichiarazione della Ferrovia Ionica e del Cammino della Magna Grecia, quale patrimonio dell’Umanità da parte dell’Unesco.
Al centro del convegno lo studio delle prospettive di rilancio turistico ed economico di una regione ricca della straordinaria civiltà della Magna Grecia e di straordinarie condizioni ambientali legate alla varietà paesaggistica e alla mitezza del clima. Nuove forme sinergiche di partecipazione, sensibilità amministrative ed una formazione della popolazione calabrese con un fine identitario, potrebbero essere il volano per un’azione intelligente sui servizi primari come l’istruzione, la sanità, l’assistenza, la cura dell’ambiente, i trasporti pubblici.
La proposta non è velleitaria e non richiede ingenti risorse, ma è fondamentale un impegno del mondo della cultura, delle amministrazioni pubbliche locali e regionale, delle diverse espressioni di cittadinanza attiva presenti sul territorio. Già avanzata dal Gruppo di Scrittura 2006 in Crotone, la proposta è sostenuta dalla rete di movimenti ed associazioni ioniche riunite sotto la sigla “Ferrovia Ionica Bene Comune”, da numerose associazioni, dai Sindaci dell’intera fascia ionica.

INTERVENTI ALL’INTERNO DI TG NEWS

Facebook Comments

Di

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.