3 Dicembre 2020

 

 

 

MILITARI DEL GRUPPO DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CATANZARO, NELL’AMBITO DI UN’ATTIVITÀ DI CONTROLLO ECONOMICO DEL TERRITORIO MIRATA ALLA  PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DELLA CONTRAFFAZIONE MARCHI E DELLA CIRCOLAZIONE DI PRODOTTI INSICURI NELLA PROVINCIA, HANNO INDIVIDUATO, NEI GIORNI SCORSI, UNA PALAZZINA SITA A DAVOLI (CZ) UTILIZZATA DA DIVERSI CITTADINI EXTRACOMUNITARI QUALE DEPOSITO PER MATERIALI CONTRAFFATTI.

 

IL SERVIZIO CHE HA COMPORTATO LA PERQUISIZIONE DI UN APPARTAMENTO E DI DIVERSE AUTOVETTURE SI CONCLUDEVA CON LA SEGNALAZIONE ALLA COMPETENTE AUTORITÀ GIUDIZIARIA DI NR. 6 SOGGETTI, E CON  IL SEQUESTRO DI CIRCA 4.000 PRODOTTI CONTRAFFATTI COSTITUITI DA CAPI DI ABBIGLIAMENTO E ACCESSORI, RECANTI ALCUNI FAMOSI MARCHI DEL SETTORE, PRONTI PER ESSERE COMMERCIALIZZATI. DIVERSE RISULTANO ANCHE LE ETICHETTE E I LOGHI, RINVENUTI IN ALCUNE BUSTE, CHE APPOSTI A CALDO SUI CAPI AVREBBERO COMPLETATO IL  PROCESSO DI CONTRAFFAZIONE.

 

L’OPERAZIONE  EVIDENZIA LA COSTANTE ATTENZIONE POSTA DAI MILITARI DELLA GUARDIA DI FINANZA A CONTRASTO DEGLI ILLECITI ECONOMICI E FINANZIARI CHE MINANO LA SANA E LEALE CONCORRENZA TRA GLI ONESTI OPERATORI DEL MERCATO A TUTTO SVANTAGGIO DEL CONSUMATORE  FINALE.

 

È OPPORTUNO INFINE RAMMENTARE CHE I PRODOTTI CONTRAFFATTI VENGONO CONFEZIONATI CON TESSUTI DI LIVELLO SCADENTE CHE SPESSO A CONTATTO CON LA PELLE POTREBBERO ARRECARE DANNI ALLA SALUTE DEI CITTADINI.

 

Facebook Comments

Di

CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.