Ven. Apr 23rd, 2021

Monsignor Francesco Oliva: «La giornata per la conversione dei mafiosi sarà un appello ad abbandonare la mentalità ‘ndranghetista» 

«La giornata diocesana di riflessione e preghiera sul tema della conversione dei mafiosi e la custodia del Creato è stata pensata per coinvolgere l’intera comunità su problemi molto gravi e di pesante attualità, quali la criminalità organizzata e la custodia della casa comune. La Locride è una terra che storicamente soffre il condizionamento di associazioni criminali, come la ‘ndrangheta, che incide molto negativamente sul suo sviluppo sociale ed economico». Così monsignor Francesco Oliva, vescovo di Locri-Gerace, spiega in un’intervista al Sir il senso della Giornata diocesana di preghiera per la conversione dei mafiosi, che si terrà sabato 7 ottobre, a Placanica, al santuario della Madonna dello Scoglio. «Occorre perseguire tutte le vie, anche quella della preghiera, per sconfiggerla. Non è possibile piegarsi a essa né assuefarsi alla mentalità mafiosa – sottolinea il presule -. Questo è anche un problema culturale che corrompe il modo di pensare e di agire di tanti». Nella lotta alla criminalità, «il ruolo della Chiesa è soprattutto quello della formazione e dell’accompagnamento spirituale». «Anche se il suo compito non è repressivo e accusatorio, non può tacere di fronte all’ingiustizia e al male – chiarisce monsignor Oliva -. Il suo è un compito delicato ma importante: indicare percorsi di fede che non allontanano l’uomo dai suoi impegni e dalle sue responsabilità. Ad essa interessa che chi sbaglia si ravveda e attraverso un cammino di conversione interiore ritorni a Dio veramente rinnovato, che abbandoni la via del male e del crimine. Suo compito è essere mediatrice di salvezza e annunciatrice della bellezza del Vangelo. È chiamata anche a denunciare il male e le strutture di peccato, a dare speranza e soprattutto a indicare la via della carità e della Misericordia».

Facebook Comments

Di

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.