4 Dicembre 2020

Con la nomina del sindaco di Agnana Caterina Furfaro a vice presidente dell’Assemblea dei Sindaci della Locride è stato completato l’organigramma del Comitato lasciato in sospeso, ma, soprattutto, sono stati definiti i dettagli della “marcia” a Roma dei primi cittadini per manifestare contro la precarietà patita dell’Ospedale di Locri. Questo il cuore dell’incontro dell’Assemblea dei sindaci, svoltasi ieri come di consueto nella sala delle adunanze del Comune di Siderno. La data scelta per la trasferta romana è il prossimo 14 novembre. Circa 20 i sindaci che al momento hanno aderito alla protesta e che, quindi, si recheranno davanti a Palazzo Chigi non tutti i primi cittadini, infatti, durante l’incontro si sono detti convinti della protesta in programma, tra questi il sindaco di Caraffa del Bianco. Se questo estremo atto rimarrà inascoltato, i sindaci si sono detti pronti a consegnare le fasce tricolori direttamente al Presidente della Repubblica, un concetto rimarcato dal presidente del comitato Rosario Rocca anche per mezzo dei nostri microfoni. Resta, inoltre, l’idea di mantenere un presidio permanente davanti al nosocomio locrese, al fine di manifestare solidarietà e al contempo protestare contro il diritto alla salute tragicamente vietato ai cittadini della Locride. Sulla stessa linea d’onda anche il sindaco di Stignano Francesco Candia Presidente dell’Assemblea.

ALESSANDRA BEVILACQUA|redazione@telemia.it

Facebook Comments

Di

CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.