A Palmi (Rc) il convegno dal titolo “dalla violenza contro la persona al femminicidio: un modello culturale alle origini della violenza di genere”

330

Importante evento organizzato dalla Scuola di Psicologia Applicata “G. Sergi” di Palmi, da anni impegnata in una missione di rivoluzione culturale sul tema, svoltosi sabato 25 novembre, nel ricordo del femminicidio delle sorelle Patria, Minerva e Maria Teresa Mirabal. Il Convegno è stato realizzato in collaborazione con le locali associazioni, tutte femminili, FIDAPA, INNER WHEEL, SOROPTIMIST, CONVEGNI DI CULTURA MARIA CRISTINA DI SAVOIA, oltre che con la IIS “N. Pizi” di Palmi, presente con una nutrita rappresentanza dei suoi alunni. Folta la presenza di numerosi cittadini, di professionisti e operatori del settore, degli allievi dei corsi della Scuola “G. Sergi” e degli avvocati, per i quali l’incontro ha assunto valenza formativa, in virtù dei crediti rilasciati dal locale Consiglio dell’Ordine; erano inoltre presenti le Forze dell’Ordine, con le proprie rappresentanze di vertice (Capitano dei CC, Tenente GdF, Dirigente Polizia di Stato, Comandante Polizia Municipale), psicologi, sociologi, rappresentanti di tutti i Club Service cittadini e delle locali Associazioni forensi, in una sala che si è mantenuta, sino alla conclusione dei lavori, attenta e gremita. Ad eccezione di un unico posto vuoto: una sedia rossa su cui erano state adagiate una sciarpa di seta e un paio di scarpe rosse, nel ricordo di ogni donna che non parlerà più. L’incontro è stato moderato dal giornalista e scrittore Domenico Nunnari, che ha dato avvio ai lavori con i saluti della Presidente della Scuola “G. Sergi”, Prof.ssa Assunta Carrà, dal Sindaco della città di Palmi, Avv. Giuseppe Ranuccio, dall’Avv. Giuseppina Forestieri, in rappresentanza del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati, dalla Prof.ssa Maria Bonfiglio, che ha portato i saluti della Dirigente IIS “N. Pizi”. È stata, successivamente, data lettura del messaggio di saluto inviato dalla Dott.ssa Cinzia Nava, Presidente della Commissione Pari Opportunità della Regione Calabria, assente per la contestuale manifestazione che si svolgeva a Roma, presso la Camera dei Deputati, e dell’Avv. Serenella Multari, componente della Commissione, assente per le medesime ragioni. Subito dopo, ha preso la parola l’Avv. Anna Pizzimenti, Dottore di Ricerca in Discipline Penalistiche e Responsabile della Sezione Studi Giuridici della Scuola di Psicologia “G. Sergi”, la quale ha avviato un excursus sull’incidenza del fattore culturale nell’evoluzione della normativa internazionale in materia di violenza di genere. Successivamente, l’Avv. Guido Sola, Dottore di Ricerca in Scienze Penalistiche e Presidente della Camera Penale di Modena “Carl’Alberto Perroux”, ha analizzato in modo puntuale le misure preventive e cautelari relative alla violenza di genere nel sistema processuale italiano, evidenziandone la progressione, in termini numerici e di efficacia, nella successione della normativa nel tempo. Infine, il Procuratore della Repubblica di Palmi, Dott. Ottavio Sferlazza, ha concluso i lavori, con una disamina di ampio respiro sull’incidenza negativa del fattore culturale sulla condizione di subordinazione della donna, soprattutto con riferimento al sistema sudamericano. Il momento di massima attenzione e pathos si è, però, avuto quando è intervenuta dal Sudamerica, in esclusiva per la Scuola di Psicologia “G. Sergi”, Minou Tavarez Mirabal, figlia di Minerva Mirabal, una delle tre sorelle uccise il 25 novembre 1960, la quale ha portato il suo personale saluto a tutti gli intervenuti al convegno, auspicando che gli studi “accademici” della giornata possano offrire un prezioso apporto al contrasto del fenomeno, tanto grave, sia in Italia, come nella Repubblica Dominicana. L’evento, per le sue finalità e la sua valenza, ha ricevuto il patrocinio morale della Commissione per le PPOO della Regione Calabria, del Comune di Palmi e dell’Ordine degli Avvocati di Palmi. Significativo l’omaggio consegnato ai relatori: una formella di terracotta, su cui era stato dipinto a mano il volto che figurava anche sulla locandina del convegno, produzione artigianale di un laboratorio reggino, composto da sole donne.

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.