POLISTENA (RC): IL FAI DELLA LOCRIDE (RI)SCOPRE I “TESORI “

429

Le delegazioni Fai della Locride – Piana hanno effettuato una significativa visita guidata a Polistena per ammirare i ” tesori” di quella città e piu’ significatamente alcune importanti Chiese cittadine ricche di preziose testimonianze storiche. La visita Fai, capeggiata dalla Delegata Roberta ( Titti) Curinga ha avuto come guida l’ esperto Giovanni Russo che alla sua ormai ben nota professionalità accomuna una notevole passione che lo ha portato negli anni a contribuire alla salvaguardia di molti beni che altrimenti sarebbero andati perduto. Russo in via prioritaria si è soffermato sulla nascita della stessa città rifacendo anche la storia dei suoi uomini piu’ prestigiosi tra i quale emerge la figura di Francesco Ierace, grande pittore e scultore dell’ottocento. Poi la suggestiva visita alla Chiesa dell’Immacolata Concezione, già del cinquecentesco Convento degli Osservanti, distrutto dal terremoto del 1783 e ricostruito nello stesso luogo. In questa Chiesa, di architettura ad unica navata, sopra un altare settecentesco, sono collocate tre statue marmoree del XVI secolo tra le quali quella di Santa Lucia, che come ha spiegato Giovanni Russo è opera di Pietro Bernini. La sua realizzazione risale al 1596 su commissione di fra Bernardino da Polistena, osservante, che, all’epoca della committenza, ricoprì il ruolo di Guardiano del grandioso convento di Santa Maria della Nuova di Napoli. Poi la folta comitiva del Fai composta anche da professionisti e cultori del bello, dell’arte e della storia dei centri della Calabria. ha visitato la Chiesa Matrice (Duomo) ove, tra le tante opere lignee, quadri, suppellettili sacre, ecc., spicca, per maestosità ed unicità, la superba Pala Marmorea della Deposizione di Gesù Cristo dalla Croce, opera monumentale di scuola michelangiolesca (ancora priva di paternità certa, ma con tantissime attribuzioni di quell’epoca, recuperata dall’antica Chiesa Madre distrutta dal terremoto del 5 febbraio 1783 e collocata in questa nuova. L’occasione è stata utile anche per Giovanni Russo per ricordare i grandi scempi che, purtroppo, nel tempo sono stati fatti e che hanno fatto perdere alla città di Polistena immensi “tesori” storici. Nel pomeriggio, dopo la pausa pranzo i soci del Fai hanno anche partecipato alla presentazione del Catalogo di fotografie di Giuseppe Deni presso il Salone delle feste del Palazzo Comunale, dove era previsto un incontro culturale che ha avuto tra i relatori il prof. Ottavio Amaro dell’Università di RC e il Dott. Giulio Ierace, storico di Polistena.

Aristide Bava

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.