5 Dicembre 2020

Sara’ la conferenza dei Capigruppo a decidere la data di una seduta specifica del Consiglio regionale da dedicare alla sanita’. Questa decisione finale di una seduta contrastata, che a tratti e’ diventata dibattito e successivamente si e’ incentrata sulle decisioni da assumere dopo che il consigliere Pd Carlo Guccione ha presentato una mozione d’ordine “non per un dibattito sulla sanita’ – ha spiegato il consigliere del Pd nel corso della discussione – anche se si parlera’ lo stesso di sanita’, ma sulle ragioni che hanno indotto il Presidente della Giunta Oliverio ad annunciare la sua intenzione di incatenarsi davanti a palazzo Chigi”. Un dibattito articolato sulle decisioni da prendere: rinvio dei lavori, fissazione di una seduta ad hoc sulla sanita’ o prosecuzione del dibattito “che per larga parte e’ entrato nel merito” secondo il Presidente Oliverio, che alla fine ha espresso tutto il suo disappunto sulla decisione dei capigruppo, convocati al banco della presidenza, di fissare una nuova specifica seduta sull’argomento. “Non comprendo – ha detto il Presidente della Giunta – come, dopo una discussione di merito, con argomentazioni di merito e con giudizi di merito, si possa concludere come se nulla sia successo”. Oliverio, al termine di numerosi interventi per dichiarazione di voto su quanto era stato deciso al tavolo della Presidenza, ha ripreso la parola per ribadire la sua volonta’ di attuare quanto annunciato, e cioe’ incatenarsi davanti a Palazzo Chigi. “Un gesto – ha detto il Governatore – che servira’ a richiamare il Governo nazionale su un problema grave come quello della sanita’, che non e’ presente nelle valutazioni dell’esecutivo nazionale rispetto alla gravita’ che esprime. Sono un uomo libero – ha aggiunto Oliverio -. Non chiedo di diventare io il Commissario. La mia richiesta e’ che si inverta il trend negativo che ha caratterizzato tutto il periodo del Commissariamento, dal 2010 ad oggi. Chiedo anche che sia rinegoziato il Piano di rientro, altrimenti la Calabria non uscira’ mai da questa spirale perversa. Oggi la misura e’ colma. E’ necessario che la nostra regione sia messa in condizione di invertire il trend negativo che la caratterizza. La Calabria, con il Commissariamento, e’ stata messa in castigo, marginalizzata. Si puo’ essere d’accordo o meno sulla protesta che andro’ ad attuare a Roma, che non vuole essere comunque strumentale. Una decisione assunta in maniera sofferta, ma sul merito – ha concluso Oliverio – credo che sia necessario pronunciarsi ed esprimersi”. Il tutto e’ avvenuto dopo che l’Aula aveva completato l’esame dei punti posti all’ordine dei lavori. Dopo approvazione della manovra di “Assestamento e provvedimento generale di variazione del bilancio di previsione della Regione Calabria per gli anni 2017-2019” l’Aula era stata chiamata a decidere sulla richiesta del consigliere Guccione sulle motivazioni della protesta annunciata dal presidente Oliverio. Il capogruppo Pd, Seby Romeo, ha chiesto a questo punto la fissazione di una seduta del Consiglio da dedicare integralmente ai temi della sanita’. Sulla richiesta di Romeo sono intervenuti molti consiglieri di maggioranza e di opposizione, Alessandro Nicolo’ (Fi), Giovanni Nucera (Si) Domenico Tallini (Misto) Mario Magno (Misto), Francesco Cannizzaro (Cdl), Arturo Bova (Democratici Progressisti e Wanda Ferro (Misto), che hanno espresso posizioni articolate. Ci sono state poi la sospensione dei lavori decisa da Irto e la convocazione dei capigruppo al banco della Presidenza, con la successiva decisione di rinviare ogni decisione alla Conferenza dei presidenti dei gruppi consiliari.

Facebook Comments

Di

CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.