4 Dicembre 2020

Seconda vittoria consecutiva per il Cosenza (foto profilo Facebook dei rossoblù). Dopo la partita con l’Akragas arriva un altro successo in casa ai danni della Juve Stabia. Bruccini il marcatore di giornata ad inizio secondo tempo.

Qualche novità in casa rossobù. Braglia manda in panchina Mungo e inserisce dal primo minuto il giovane Palmiero. Per il Cosenza una sorta di 4-3-3 mascherato dal ruolo di Palmiero che svaria sul rettangolo di gioco. La Juve Stabia giunge al “Marulla” senza il suo bomber Paponi. Stesso modulo per i campani e panchina per l’ex rossoblù Capece.

TANTO POSSESSO PALLA, NON SI SBLOCCA LA PARTITA

Al minuto 8 la prima occasione è di marca silana. Cross dalla sinistra ad opera di Pinna e conclusione di Bruccini che termina al lato. La Juve Stabia cerca di ripartire sfruttando le fasce ben bloccate, però, dalla retroguardia rossoblù. Mister Caserta passa al 4-1-4-1 con l’ex Vibonese Viola al quale viene affidato il compito di far partire le azioni a tinte gialloblù.

Bello scambio di Caccavallo e Bruccini al 21’. Il centravanti fa fuori un calciatore avversario e serve l’ex Lucchese che tenta il tiro di controbalzo: palla alta. Per il tecnico Braglia, in fase di non possesso, spazio al 4-5-1 con Baclet unico terminale offensivo. Palmiero tenta dai 25 metri ma l’esito non è dei migliori. Prodigiosa la chiusura di Corsi al minuto 28 sugli sviluppi di una conclusione firmata Viola. Il Cosenza al 42’ sfiora il vantaggio con un tiro ravvicinato di Calamai e conseguente presa centrale di Branduani.

BRUCCINI FA CENTRO

Primo cambio per il Cosenza: esce Baclet ed entra Mendicino. Il Cosenza trova la rete con Bruccini abile nel depositare la palla, alle spalle del portiere, dopo un’azione rocambolesca. Anche la Juve Stabia propone due cambi favorendo l’ingresso di Canotto e Costantini al posto di Simeri e Lisi. Poco prima del quarto d’ora di gioco insidioso diagonale di Calamai che passa tutta l’area ma non va. Mungo entra da un lato, Strefezza dall’altro.

Al 27’ Tutino prende il posto di Caccavallo. I silani mantengono il 4-3-3 proposto sin dall’inizio. Diversi cambi di gioco alla disperata ricerca del pareggio per la Juve Stabia. Il Cosenza regge il colpo facendo entrare nel finale D’Orazio al posto di Calamai. Nonostante i 5 minuti di recupero la squadra può far festa e prepararsi al derby con il Catanzaro in programma domenica pomeriggio. Al “Ceravolo” la partita avrà inizio alle ore 14,30.

COSENZA – JUVE STABIA 1-0

COSENZA (4-3-3): Perina 6; Corsi 6 Dermaku 6 Idda 6 Pinna 6; Bruccini 6,5 Palmiero 6 (22’ st Mungo 6,5) Calamai 6 (43’ st D’Orazio sv); Caccavallo 5,5 (27’ st Tutino 6) Baclet 5,5 (1’ st Mendicino 6) Statella 6. In panchina: Saracco, Pasqualoni, Boniotti, Trovato, Loviso, Pascali. Allenatore: Braglia 6,5

JUVE STABIA (4-3-3): Branduani 6; Nava 6 Bachini 5,5 Allevi 5,5 Crialese 6; Matute 5,5 Viola 6 (35’ st Calò sv) Mastalli 5,5 (20’ st Strefezza 5,5); Lisi 5,5 (4’ st Costantini 5,5) Simeri 5,5 (4’ st Canotto 5) D’Auria 6. In panchina: Bacci, Polverino, Awa, Capece, Redolfi, Gaye, Zarcone. Allenatore: Caserta 5,5

ARBITRO: Fiorini di Frosinone 5,5

MARCATORE: 2’ st Bruccini (C)

NOTE: spettatori 1476 circa di cui 6 ospiti. Ammoniti: Bruccini, Pinna, Calamai (C), Canotto (J). Angoli: 6-4. Recupero: 0′ pt, 5′ st

Facebook Comments

Di

CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.