5 Dicembre 2020

Dopo il pareggio con il Racing Fondi si ritorna al successo in casa Cosenza (foto repertorio Farina). Nella gara, svolta sul campo neutro di Siracusa, i silani superano l’Akragas chiudendo la partita già nel primo tempo.

La squadra di “casa” propone un 3-5-2 con la coppia d’attacco formata da Salvemini e Parigi. Il Cosenza opta per il solito 4-3-1-2 con qualche novità in ottica turnover. D’Orazio, Calamai, Loviso Mendicino fuori sostituiti da Pinna, Bruccini, Loviso e Tutino. Assente Liguori causa problema fisico. Ex di turno il centrocampista Palmiero e il centravanti Parigi. Rientra dal primo minuto il portiere Perina.

STATELLA APRE LE DANZE, BRUCCINI LE CHIUDE

La prima azione di gioco la realizza l’Akragas. Calcio di punizione dal lato destro sul quale nessun calciatore si oppone in ottica finalizzazione. Il Cosenza passa in vantaggio al 3’ con un contropiede da manuale. Mungo al 3’ si accentra e serve il compagno Bruccini. Il centrocampista ex Lucchese la passa a Statella che fa centro. Miracolo di Vono al 11’ sul calcio ravvicinato di Statella su assist di Tutino.

L’Akragas cerca con veemenza la reazione sino ad ora ben bloccata dalla retroguardia a tinte rossoblù. Pochi istanti prima della mezz’ora di gioco arriva il raddoppio del Cosenza. Calcio d’angolo battuto da Pinna e conseguente colpo di testa di Bruccini. I siciliani tentano la reazione al 33’ con un tiro dalla distanza di Salvemini che non dà l’esito sperato. Di Napoli cambia tutto e passa al 4-3-3 inserendo Sepe e Parigi al posto di Navas e Longo.

L’AKRAGAS CERCA DI ATTACCARE, IL COSENZA RESISTE

Ancora cambi ad inizio secondo tempo per l’Akragas: esce Gjuci ed entra Saitta. L’Akragas al minuto 14  prova a riaprire il match con un  calcio da fuori di Mileto deviato dalla difesa silana. Doppio cambio di Braglia per chiudere la partita, entrano Trovato e Mendicino ed escono Mungo e Baclet. Subito dopo spazio anche per Caccavallo che subentra a Tutino.

Forze fresche per il Cosenza al 28’: escono Palmiero e Calamai ed entrano Loviso e Statella. Mendicino al minuto 32 cerca la rete ma il suo tiro viene bloccato centralmente da Vono. Tanto giro palla per il Cosenza e conclusione di destro per Corsi: palla in angolo. Salvemini realizza una rete da posizione ravvicinata ma l’arbitro ferma tutto per sospetta posizione di fuorigioco. L’Akragas ci crede e cerca di riaprire la partita. Parigi cerca al minuto 43’ una doppia conclusione, con entrambi i piedi, ma la difesa respinge. Subito dopo Moreo viene bloccato dalla parata di Perina. Il Cosenza conquista la vittoria e sale a quota 12 mentre l’Akragas resta a 9 punti.

AKRAGAS – COSENZA 0-2

AKRAGAS (3-5-2): Vono 5,5; Danese 5,5 Pisani 6 Mileto 6; Navas 5 (33’ pt Sepe 6) Carrotta 6 (22’ st Moreo 6) Vicente 5,5 Longo 5,5 (10’ st Bramati 6) Russo 5 (33’ pt Parigi 6); Gjuci 5,5 (1’ st Saitta 5,5) Salvemini 5. In panchina: Lo Monaco, Caternicchia, Ioio, Petrucci, Rotulo, Franchi, Canale. Allenatore: Di Napoli 5,5

COSENZA (4-3-1-2): Perina 6; Corsi 6 Dermaku 6 Idda 6 Pinna 6; Statella 6,5 (28’ st Calamai sv) Palmiero 6,5 (28’ st Loviso sv) Bruccini 6,5; Mungo 6 (16’ st Trovato 5,5); Tutino 6 (23’ st Caccavallo 5) Baclet 6 (16’ st Mendicino 6). In panchina: Saracco, Pasqualoni, Boniotti, Stranges, Pascali, D’Orazio. Allenatore: Braglia 6,5

ARBITRI: Marcenaro di Genova 6

MARCATORI: 3’ pt Statella, 30’ pt Bruccini (C)

NOTE: spettatori 200 circa di cui una trentina ospiti. Ammoniti: Palmiero, Trovato, Perina (C), Sepe, Bramati, Vicente (A). Angoli: 6-4. Recupero: 1‘ pt, 4‘ st

====================================================================

La striscia di risultati positivi del Rende si ferma a Trapani. I biancorossi di Trocini – oggi in completo bianco – cadono al Polisportivo Provinciale di Trapani con un fragoroso 0-4, al termine di una gara che non li ha visti mai incisivi.

Bruciante la manovra dei locali all’avvio, allenati dallo storico capitano dell’Udinese Alessandro Calori. Il Trapani passa in vantaggio già al 4′ con la rete di Evacuo su colpo di testa che Forte riesce a deviare solo dopo che la palla ha già varcato la linea di porta. Per il Rende non c’è nemmeno il tempo di reagire perchè al 16′ il Trapani raddoppia con Murano, sugli sviluppi di un corner. Timida reazione dei calabresi: alla mezzora colpo di testa di Gigliotti che preoccupa Furlan. Pochi minuti dopo ancora ospiti pericolosi con Gigliotti ma Furlan respinge senza problemi.

Alla ripresa le due formazioni rientrano in campo con l’undici iniziale ma è ancora il Trapani a sorridere con la rete del 3-0 firmata Silvestri di testa (9′), sugli sviluppi di un calcio piazzato. Girandola di sostituzioni per il Rende: entrano M. Modic per Vivacqua, Otranto per Gigliotti, Actis Goretta per Rossini e Calvanese per Blaze. Ma la musica non cambia. La sofferenza biancorrossa cessa al 35′ con la rete di Fazio, su assist di Visconti, che chiude una partita sostanzialmente dominata dai siciliani dall’inizio alla fine.

Per il Rende, invece – evidentemente ancora provato dalle fatiche di sabato e dal lungo viaggio – una sconfitta che genera più di una riflessione. I biancorossi rimangono a 17 punti e sabato saranno di scena a Monopoli, per la seconda trasferta consecutiva.

TRAPANI – RENDE 4-0

TRAPANI: Furlan, Pagliarulo, Legittimo, Bastoni (34′ st Canino), Evacuo, Murano (18′ st Dambros), Fazio, Silvestri, Maracchi (18′ st Steffè), Palumbo (25′ st Minelli), Marras (34′ st Visconti). In panchina: Pacini, Ferrara, Bajic, Rizzo, Reginaldo, Girasole. All.: A. Calori

RENDE: Forte, Viteritti, Pambianchi, Boscaglia, Sanzone, Marchio, Gigliotti (22′ st Otranto), Rossini (22′ st A. Goretta), Blaze (33′ st Calvanese), Vivacqua (22′ st M. Modic), Laaribi (39′ st Piromallo). In panchina: De Brasi, Germinio, Coppola, Porcaro, Novello, A. Modic., Palermo. All.: B. Trocini

ARBITRO: Giampiero Miele di Nola (Assistenti: N.N. Spinello di Avellino e P.A. Netti di Napoli)

MARCATORI: 4′ pt Evacuo, 16′ pt Murano, 9′ Silvestri, 35′ Fazio

NOTE:  Ammoniti: Gigliotti (R)

Facebook Comments

Di

CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.