SIDERNO (RC): INTERESSANTE CONVEGNO DEL PCI SU DIGA, AMBIENTE ED EMERGENZE AMBIENTALI

420

” E’ necessario educare le nuove generazioni al rispetto dell’ambiente”. E’ il principale messaggio scaturito, per voce del segretario politico, Alessandro Siciliano, nel convegno organizzato dalla sezione del Pci sulle tematiche dell’ambiente e sulla necessità di sollecitare il ripristino della Diga sul torrente Lordo, grande infrastruttura presente sul territorio della Locride ormai svuotata da oltre quattro anni e malgrado i numerosi solleciti e le varie promesse, ancora in uno stato di pietoso abbandono. L’incontro, che si è tenuto presso la sala del Consiglio comunale, moderato da Mario Stefanelli delle segreteria del circolo che, peraltro, unitamente allo stato di abbandono della Diga, ha ricordato la mancata bonifica dell’ex industria della Bp, ha subito registrato un appassionato intervento di Damocle Argirò che recentemente si è occupato del taglio di alcuni alberi secolari avvenuto sul territorio comunale . Argirò, a questo proposito, ha ricordato che a Siderno esiste un vero e proprio patrimonio di alberi di vecchia data e che è necessario salvaguardarli al massimo. E’ intervenuta, quindi, per i saluti di rito, l’assessore ai servizi sociali Bianca Gerace che ha, anche, evidenziato l’impegno dell’amministrazione comunale nella tutela del settore ambientale. Poi una relazione di Arturo Rocca, presidente dell’ Osservatorio ambientale diritto alla vita non ha mancato di ricordare i grossi prezzi che Siderno ha pagato, e paga, in questo delicato settore parlando anche delle emergenze attualmente esistenti e dello stesso impianto Tmb. Rocca si è aiutato con una serie di diapositive ed ha auspicato l’adozione di spazi verdi da parte di scuole, associazioni e parrocchie con la redazione di un apposito piano cittadino del verde. Ha anche auspicato l’allargamento dell’ Ente parco al fine di far comprendere al suo interno il lungodiga. Si è aperto, poi, un partecipato dibattito . Maria Rosaria Tino del Comitato cittadino Rifiuti ha annunciato che secondo le sue informazioni il problema dei miasmi provenienti dal Tmb si dovrebbe risolvere definitivamente con una serie di interventi, già programmati, che inizieranno nel gennaio 2018 e dovrebbero concludersi nel giro di pochi mesi. Franco Martino del Comitato Pantanizzi ha ricordato l’impegno assunto dall’amministrazione comunale per la pulizia dell’area ex Bp che deve essere fatta – ha precisato – prima della bonifica del sito e si è anche soffermato sulla necessità di avere la certezza della insussistenza di emisioni nocive nell’altra fabbrica chimica, quella della Sika, attualmente funzionante. Giuseppe Ieraci, anch’esso componente il Comitato ecologico di Pantanizzi , ha lamentato che dalla Sika viene riscontrato il rilascio di sostanze inquinanti ed ha auspicato la sua chiusura. Il segretario della Figc, Ivan Albanese, ha ricordato l’emergenza incendi nelle arre boschive. Il segretario di Sinistra Italiana, Giuseppe Oppedisano, da l canto suo, ha ribadito l’impegno dell’amministrazione comunale nella tutela dell’ambiente ed ha parlato anche del deleterio abbandono dei rifiuti lungo le vie cittadine invitando anche ad una maggiore collaborazione la cittadinanza. Lidia Zitara ha auspicato un regolamento per il verde pubblico e quello privato. Molto atteso l’intervento del Presidente del Parco Nazionale d’ Aspromonte Giuseppe Bombino che ha voluto evidenziare anche che il verde rappresenta soprattutto una protezione finalizzata alla sicurezza idraulica del territorio e che ha finanche apprezzato la proposta di Arturo Rocca finalizzata alla estensione della zona del Parco d’Aspromonte, Il dirigente Pci Nicola Lemoncino ha suggerito una mobilitazione generale a difesa dell’ambiente mentre Cecè Carnà, già consigliere di amministrazione del Consorzio di Bonifica ed esponente del Pd locale ha sviluppato un intervento “politico” puntando l’indice contro l’amministrazione comunale soprattutto sulla problematica dell’abbandono dei rifiuti per strada. L’intervento di Carnà ha provocato una immediata replica dell’assessore Bianc a Gerace che, tra l’altro, ha poi annunciato che martedi 21 novembre si procederà alla piantumazione di alberi nelle scuole di contrada Mirto e contrada Donisi. Il consigliere comunale Antonio Sgambelluri, ha, poi, voluto ricordare che grazie all’impegno del partito il consiglio comunale ha votato contro l’istallazione di un biodigestore e contro la possibile istallazione di nuove industrie chimiche. I lavori sono stati conclusi dal segretario politico Alessandro Siciliano che ha giudicato positivamente l’andamento del convegno auspicando sempre maggiore attenzione ad ogni problematica ambientale

Aristide Bava

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.