Da Cosenza a una cattedra in Francia. «Scappate dall’Italia»

150

La storia di un giovane calabrese che, come tanti, ha deciso di diventare un cervello in fuga. Si racconta al Fatto Quotidiano e della classe politica italiana dice: «Sta uccidendo tre generazioni di ragazzi»

È partito da Cosenza a 28 anni, dopo vani tentativi di trovare un lavoro in Italia, partecipando a bandi di dottorato in tutto il Paese. Il futuro davanti a sé non prospettava facile né roseo: «Finita l’università avevo due strade: restare in Italia a casa dei miei genitori, aspettando che qualche scuola del nord mi chiamasse per una supplenza, o tentare la mia chance all’estero», racconta oggi in un’intervista al Fatto Quotidiano. Oggi che ha 33 anni Battista Liserre (foto) insegna civilizzazione italiana nel prestigioso campus dell’Essca (école de management) a Aix en Provence. Inoltre da quattro anni è professore a contratto della stessa materia all’università di Aix-Marseille, possibilità che mai avrebbe avuto in Italia dove, spiega senza mezzi termini: «In Italia le poche borse per fare un dottorato sono destinate a figli, parenti e amici dei professori. E anche quando hai la fortuna di entrare nelle grazie di un docente lavori gratis o, con qualche borsa di studio, arrivi al massimo a 900 euro al mese».
Il messaggio di Liserre è chiaro: «Non è facile lasciare tutto e ricominciare. Purtroppo non abbiamo deciso noi di partire, ma è l’Italia a non fare nulla per trattenerci». L’Italia che non offre servizi e opportunità è alla mercé di una classe politica «che sta uccidendo tre generazioni di giovani». «Andate all’estero», è il chiaro messaggio del 33enne, «andate all’estero a realizzare i vostri sogni. Andare a lavorare fuori dall’Italia è ormai l’unica strada percorribile». Un invito che è una necessità. Ma anche una forma di protesta: «Inoltre, la nostra è una protesta contro lo stato italiano, una specie di guerra culturale», spiega al Fatto. «Infatti, spero che grazie a noi che viviamo all’estero e rimpolpiamo le statistiche sui giovani che lasciano il nostro paese, i governi riflettano sulla drastica situazione d’invecchiamento della nostra penisola. Anche se non si fa nulla di concreto almeno si apre il dibattito».

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.