Sab. Feb 27th, 2021

Diffondere la cultura dell’accoglienza e radunare le energie per dare vita ad una casa famiglia. Con questo obiettivo è nato nei giorni scorsi a Locri un nuovo centro per la pastorale familiare. Inaugurato nella diocesi di Locri-Gerace dal vescovo, monsignor Francesco Oliva sii trova in via Margherita di Savoia, a Locri, e ha preso il nome dall’esortazione apostolica di Papa Francesco “Amoris laetitia”. “Il Centro offrirà diverse attività di informazione e formazione che riguardano lo sviluppo di una cultura della famiglia – ha dichiarato don Pietro Romeo, vicario episcopale per la pastorale familiare -; sarà un centro di ascolto che fornisca consulenza spirituale, personale e di coppia”. Tra le altre iniziative che saranno realizzate nella struttura, quindi, l’accompagnamento personalizzato e incontri per fidanzati e famiglie “sui temi che interessano il loro vissuto”. “In particolare, educazione alla genitorialità, all’amore, all’affido e all’adozione, alla disabilità”. Nel Centro è attiva anche la Casa “Santa Chiara”, che si occupa dell’accoglienza delle madri in difficoltà. “Sostenere donne che necessitano di un supporto nella cura dei propri figli. Offrire aiuto a chi ha difficoltà ad assumere le funzioni genitoriali”. Sono queste alcune delle finalità principali di questo nuovo traguardo fortemente voluto dal vescovo di Locri, Francesco Oliva. Il lavoro di accudimento consisterà nell’accompagnare la madre a riconoscere i propri limiti, le proprie fragilità, costruendo con lei un graduale percorso che renda le difficoltà riconoscibili e affrontabili.

Facebook Comments

Di

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.