Ospedale di Locri: a rischio per stasera la chiusura del Pronto Soccorso per carenza di personale

805

È proprio vero al male non c’è mai fine.  Chi pensava che nell’ospedale di Locri avessimo toccato il fondo si sbagliava di grosso.  La riprova ne è la nota emessa dalla direzione sanitaria in data 7 dicembre 2017 che di fatto mette in preallarme i medici chiedendo di fatto un aiuto per l’unico dirigente medico rimasto in servizio per coprire il turno di questa sera dalle ore 20:00 in poi al pronto soccorso.  Non è bastato l’impegno del ministro della Salute Lorenzin a mandare gli ispettori ministeriali,  non è bastata la presenza dei sindaci della Locride a Roma,  non sono bastate le rassicurazioni del commissario Scura,  non è servito il tanto declarato impegno straordinario del Presidente della Regione,  insomma al pronto soccorso di Locri si continuerà a rischiare la vita.  E come si evince  dal documento della direzione sanitaria locrese che pubblichiamo,  se non si faranno avanti Medici volontari a dare una mano alla dottoressa Garreffa,  questa sera il pronto soccorso rischia di chiudere per mancanza di personale.  Di fronte a questo scempio documentato da documenti scritti non rimane altro che rivolgersi alla magistratura e se dovesse verificarsi un’interruzione di pubblico servizio è giusto che chi ne è responsabile paghi anche penalmente. Quello della Salute è un diritto garantito dalla Costituzione e purtroppo nella Locride manca una tutela adeguata da parte dello Stato,  che spesso invece  interviene per difendere altro. È il caso di sostenere in questa battaglia di civiltà i primi cittadini,  che come enunciava qualche giorno fa il sindaco di Locri Giovanni Calabrese,  a questo punto sono disponibili anche a gesti estremi ma ci vuole la partecipazione in massa della cittadinanza,  a questo punto non si può piu delegare.

Giuseppe Mazzaferro | direzione@telemia.it

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.