Gio. Gen 28th, 2021

Cinque condanne e due assoluzioni. Si chiude così il troncone di primo grado del processo nato a seguito dell’operazione “Columbus”. Nel dettaglio la condanna più pesante è andata a Franco Fazio 17 anni e 10 mesi di reclusione e 150mila euro di multa e a Domenico Berlingieri condannato a 9 anni e 28mila euro di multa. Assolti completamente da tutti i capi d’imputazione per “non aver commesso il fatto”, invece, Salvatore Caparrotta e Alfonso Santino Papaleo.
Franco Fazio, nativo di Pianopoli, secondo le accuse, avrebbe avuto un ruolo ragguardevole all’interno dell’organizzazione criminale dedita ai traffici internazionali di sostanze stupefacenti del tipo cocaina tra gli Stati Uniti d’America e la Calabria, ed anche dal Centro America agli Usa. Secondo quanto accertato nel corso delle indagini dall’allora procuratore aggiunto di Reggio Calabria, Nicola Gratteri, infatti, sarebbe l’uomo di fiducia del narcotrafficante Gregorio Gigliotti, anch’egli calabrese e originario di Serrastretta. Ed è proprio seguendo gli spostamenti di Fazio che è stato possibile ricostruire la rete di contatti costituita tra gli Usa e le principali famiglie mafiose calabresi.
Un’attività quella di Fazio delicata ed apprezzata tanto da farlo diventare il primo interlocutore con i produttori e trafficanti di droga in Costa Rica anche attraverso l’utilizzo di una società di import-export.
Franco Fazio, come si ricorderà, venne tratto in arresto a pochi giorni dell’elezioni comunali di Lamezia Terme mentre era candidato nella lista Cdu a sostegno del sindaco Paolo Mascaro.

ALESSANDRA BEVILACQUA|redazione@telemia.it

Facebook Comments

Di

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.