Incendio Tendopoli, i migranti si mobilitano

199

Marcia pacifica dei residenti della baraccopoli di San Ferdinando promossa per chiedere migliori condizioni di vita

Dopo l’incendio della tendopoli abusiva di San Ferdinando e l’azione immediata delle istituzioni per porre rimedio al disagio degli immigrati rimasti senza sistemazione, oggi si è svolto un corteo di migranti partito dai resti dove è avvenuto il rogo e diretto verso la sede del municipio di San Ferdinando. Promosso dall’Usb, il sindacato di base, ha avuto lo scopo di denunciare le condizioni di vita nelle quali vivono i migranti e chiedere interventi risolutivi dopo l’incendio che nella notte, tra venerdì e sabato scorsi, ha devastato la baraccopoli provocando la morte di una donna nigeriana e il ferimento di altre due persone. Il corteo, al quale hanno partecipando un centinaio di migranti, si è diretto presso il municipio di San Ferdinando dove i manifestanti hanno incontrato i rappresentanti della prefettura di Reggio Calabria, il commissario straordinario per l’area di San Ferdinando, Andrea Polichetti e il sindaco Andrea Tripodi. I migranti, in marcia, hanno mostrato cartelli con le scritte: “Schiavi mai”, “Basta discriminazioni, residenze per tutti”, “Le nostre vite più in alto dei nostri profitti”. Esposte anche alcune foto di Becky Moses, la ventiseienne morta nel rogo.

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.