Meteo in miglioramento: Protezione civile al lavoro,scoperchiati tetti case e capannoni

223

Sono in netto miglioramento – c’è il sole anche se le temperature hanno subito un discreto calo – le condizioni meteo in Calabria dopo l’ondata di maltempo di ieri con vento che fino alla notte scorsa ha sofifato a 100 chilometri orari, con punte anche di 160 in alcune località, provocando danni e disagi in gran parte della regione. Da stamattina squadre di tecnici e volontari, con il coordinamento della Protezione civile regionale, stanno operando per una conta dei danni nei centri più colpiti come a Mesoraca, dove un uomo che era salito sul tetto di un’abitazione per verificare i danni provocati dalle raffiche è morto per le gravi ferite riportate dopo essere precipitato al suolo, ma anche a Roccabernarda, Santa Severina, Belvedere Spinello, Cotronei, in provincia di Crotone; Corigliano, Rossano e Rende nel cosentino; Bova, Benestare, Monasterace, Capo Spartivento e Scilla nel reggino e quasi tutto il catanzarese. Senza sosta il lavoro dei vigili del fuoco in tutta la regione. In diversi centri i tetti sono stati scoperchiati dal vento e molte coperture risultano pericolanti. Sempre nel crotonese a Isola Capo Rizzuto è saltato il tetto di un edificio fatto in eternit, materiale che si è sbriciolato con rischi dovuti alla presenza di amianto. Sulla strada tra Cropani e Sersale, in provincia di Catanzaro, è volata la copertura di un capannone e la situazione venutasi a creare ha reso necessaria la chiusura dell’arteria che dovrebbe riaprire a breve. La sala operativa della Protezione civile regionale, aperta h24, sta monitorando tutte le situazioni di criticità. “Siamo a disposizione – ha detto il Capo della Protezione civile regionale Carlo Tansi – per raccogliere tutte le segnalazioni al numero verde 800 222 211 e ricordiamo anche la nostra app ‘Easy alert’ sempre molto utile per le segnalazioni in tempo reale”.

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.