Mer. Gen 20th, 2021

Il Magistrato di Sorveglianza di Reggio Calabria, dott. Daniela Tortorella, con Ordinanza depositata in data 18.01.2018 ha dichiarato cessato lo stato di pericolosità sociale di Candido Vito Marco, non applicando conseguentemente nei suoi confronti la misura di sicurezza della libertà vigilata. Tale misura di sicurezza era stata disposta, per la durata di anni due, dalla Corte d’Appello di Torino nell’ambito del proc. pen. c.d. Minotauro, contro la ndrangheta radicata nel nord italia, dal quale era emerso che il Candido fosse esponente del gruppo “Crimine” quantomeno dall’anno 2008. Tuttavia, malgrado il ruolo rivestito dal Candido nel contesto associativo, i difensori del predetto, Avv. Marco Tullio Martino e Avv. Alessandro Bavaro, hanno dimostrato come lo stato di pericolosità sociale, in termini di attualità, fosse ormai cessato, soprattutto con riguardo allo stile di vita da egli assunto in seguito alla scarcerazione, ritenuto conforme ai valori socialmente consoni, e all’assenza di elementi concreti e specifici che depongano per un’attuale predisposizione a delinquere in futuro.

Facebook Comments

Di

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.