Ottavio Amaro, candidato al Senato per il centrosinistra: l’Università Mediterranea come luogo di crescita e opportunità per i giovani calabresi “Restare per cambiare”

327

E’ stata inaugurata ieri, nella Galleria di Palazzo San Giorgio, a Reggio Calabria, la mostra “50 anni e 41 metri di Architettura a Reggio Calabria”. Son passati 50 anni dall’Istituzione dell’Istituto Universitario Statale di Architettura nel lontano 1967. Adesso l’Università Mediterranea e la facoltà di Architettura sono realtà solide e di grande importanza per la Calabria e il Sud.
E’ inevitabile, per me qualche riflessione. In questa Mostra ritrovo anche un pezzo della mia storia, da studente dal 1978, da dottore di ricerca, da professore e quindi da Direttore Generale.
Guardandomi indietro ritengo ancora giusta la scelta di frequentare la nostra Università, restare in Calabria e operare per migliorarla.
Rivendico ancora il motto del movimento studentesco di allora “lottare per restare, restare per cambiare”
In questi anni, attraverso la ricerca e un rapporto stretto con il territorio ho avuto modo di conoscere di più i nostri luoghi, di apprezzarne le bellezze e le potenzialità.
Ho conosciuto e laureato centinaia di giovani; penso di avere condiviso con loro il sogno di una Calabria più giusta e proiettata verso il riscatto sociale, economico e culturale.
Sono gli stessi giovani che oggi sono professionisti specializzati, attrezzati culturalmente capaci d’imprimere innovazione alle nostre città. Il nostro impegno è creare condizioni affinché non abbandonino la Calabria a favore di realtà del nord o dell’Europa.
Spero di poter lavorare con forza da eletto al Senato, per potenziare, sviluppare di più la nostra Università come strumento di crescita dei giovani calabresi, come spazio della ricerca e dell’innovazione al servizio del nostro territorio.

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.