Turismo: Calabria, 10mila nuovi posti grazie ai fondi pensione

248

Il Turismo come motore dello sviluppo economico della Calabria e, in particolare, del cosentino, sul quale si presume possano nascere migliaia di nuovi posti di lavoro. Se ne è parlato nel corso dell’incontro organizzato da Newseconomy.it all’Università della Calabria. Al centro dell’appuntamento il ruolo che possono svolgere i Fondi Pensione come forza trainante dell’intera Regione. Un’opportunità da cogliere come sottolineato dai diversi attori che hanno partecipato all’evento, nel corso del quale è stato anche evidenziato che la creazione di un Fondo di Investimento ah hoc potrà portare alla creazione di migliaia di nuovi posti di lavoro soprattutto nel turismo ricettivo e nell’industria agro-alimentare. ”Le potenzialità sono enormi – ha detto Gabriele Cappellini, già CEO del Fondo Italiano di investimento SGR, – soprattutto se si considera che le risorse delle casse previdenziali e dei fondi pensione italiano possono mettere a disposizione dell’economia reale fino a 20 miliardi di euro”. E’ una pratica questa già ampiamente utilizzata con successo in altri paesi europei come Francia e Germania. ”E’ difficile – ha proseguito il prof. Alessandro Varrenti dell’Università di Pescara – che gli investitori internazionali investano in Italia e men che meno, dispiace dirlo, al Sud del nostro Paese. La creazione di un fondo di investimento del turismo – invece – potrà avere ricadute nell’economia reale non solo in Calabria, ma soprattutto nel cosentino, dove la disoccupazione giovanile supera anche il 40% e che potrà coinvolgere le Pmi del territorio”. Si è calcolato che l’avviamento di nuove attività produttive, grazie alle risorse del Fondo di Investimento per il turismo, si potrà avere una ricaduta sul territorio di circa 10.000 nuovi posti di lavoro. Un dato realistico e importante per la provincia di Cosenza a patto che le attività intraprese rispettino il vincolo del territorio. Per questo assume maggior senso lo slogan ”I soldi di chi lavora a chi vuole lavorare”. E’ impensabile che si possa fare ancora del Sud ”terra di conquista”. ”E’ doveroso impegnarsi” ha detto Paolo Naccarato, già Vicepresidente della Parlamentari membri della Commissione di vigilanza sulla Cassa Depositi e Prestiti e candidato alla Camera con Forza Italia – collegio uninominale di Cosenza.”. ”Spero – ha proseguito – che le organizzazioni possano ritrovarsi e giungere a un’iniziativa che chiamerei opportunità Calabria, in modo che le buone iniziative abbiano le possibilità che meritano”.

STRETTOWEB

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.