Ac Locri: Non solo calcio, ma un progetto di aggregazione sociale e sviluppo economico

577

Dopo 16 anni il Locri Calcio torna finalmente a far sentire prepotentemente la propria presenza nella Serie D, e lo fa non solo al termine di una stagione in cui in pochi sarebbero stati pronti a scommettere sul buon risultato della compagine allenata da Umberto Scorrano, ma al culmine di un campionato quasi perfetto, in cui si è presentata ad ogni appuntamento con una solidità mentale e fisica degna dei grandi club della massima serie. Per cercare di ricostruire la filosofia che si nasconde dietro questo epocale successo, abbiamo posto cinque domande alla presidentessa del Locri Calcio, Antonella Modafferi.
Come si diventa presidente del Locri Calcio?
Di solito credo ci si arrivi per mettersi in gioco, io l’ho fatto per passione e per “mozione popolare”. Due anni fa, infatti, il Locri si è ritrovato in una situazione difficile, senza nessuno al timone, condizione che ha convinto me e un gruppo di tifosi a rimboccarsi le maniche e risollevare le sorti del nostro Pegaso.
La riconquista della Serie D dopo tanti anni nasconde ovviamente una grande preparazione pre stagionale. In cosa è stata differente quella di quest’anno rispetto a quella degli anni passati?
Il lavoro che ha portato il Locri a questi risultati è il frutto degli ultimi quattro anni e non solo di quest’ultimo. Anche chi mi ha preceduto, infatti, ha svolto un lavoro ineccepibile, indubbiamente indispensabile a farci raggiungere questo traguardo oggi. Effettuando un passo alla volta, siamo riusciti a far maturare i tempi per il ritorno in Serie D, convincendo al contempo la gente a riavvicinarsi allo stadio e facendo breccia nel cuore di intere famiglie di locresi, che ci hanno seguito per tutta la stagione in casa come in trasferta, trasformando i nostri calciatori in idoli per i loro bambini.
La maggior parte degli avversari attribuisce il vostro successo a una campagna acquisti faraonica. Come risponde a queste dicerie?
Non è stato fatto proprio nulla di faraonico. Ci siamo semplicemente impegnati a effettuare una programmazione oculata, con un preciso piano di spesa, a cui abbiamo potuto far fronte grazie a noi soci ma, soprattutto, grazie ai nostri sponsor e ai nostri splendidi tifosi. È rispettando questa filosofia di lavoro che abbiamo effettuato il ponderato “acquisto” del Direttore Sportivo Fortunato Varrà, che ha saputo utilizzare perfettamente e con grande oculatezza il budget previsto, scegliendo i calciatori da inserire nella rosa come fossero tasselli di un puzzle. E i risultati si sono visti nei cambi, negli infortuni, negli imprevisti che si sono verificati nel corso del campionato.
Come cambierà la storia del Locri e di Locri dopo il risultato ottenuto in questa stagione?
Il Locri ha progetti futuri che cercheremo di realizzare. Il primo passo è quello di consolidare e confermare una società che in questi due anni si è dimostrata forte e unita. Naturalmente per poter raggiungere questo obiettivo ci serve l’ingresso in compagine di altre persone e, soprattutto, di imprenditori che vogliano investire in qualcosa che non è solo una partita di calcio, ma un progetto di aggregazione sociale e di sviluppo economico. A breve inizieranno anche i lavori di ristrutturazione dello Stadio Comunale di Locri, che diventerà uno dei più belli della regione e sono certa che anche questo progetto servirà a veicolare i nostri piani nella direzione giusta.
Una domanda fuori tema. Non abbiamo potuto fare a meno di intercettare voci relative a una sua candidatura a sindaco di Locri durante le prossime elezioni di maggio. Solo dicerie?
A dire il vero ho avuto diverse proposte da compagini politiche, ma credo che per poter gestire una cittadina come Locri ci voglia la giusta competenza e un’ottima cultura politica e gestionale, non bastano cuore e passione, anche se sono ingredienti sempre utili e che, nella mia esperienza di presidente del Locri Calcio, hanno contribuito a farmi raggiungere diversi traguardi.

(fonte lariviera)

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.