Dom. Gen 24th, 2021

«La sconfitta del Partito Democratico invita ad una riflessione severa e senza sconti».
Lo dichiara il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà commentando gli esiti del voto alle
elezioni politiche nazionali. “Bisogna guardare in faccia la realtà – ha spiegato il primo Cittadino di
Reggio Calabria – il partito nazionale ha dimostrato in questi mesi di tenere più all’autotutela del suo
ceto politico che alle reali esigenze del Paese. Ora è il momento di ribaltare tutto. Si cominci a
guardare ai territori, ripensando organizzazione e linea politica. Il Pd segua l’esempio dei sindaci e
degli amministratori locali, che vivono in mezzo alle persone e ai loro problemi tutti i giorni, non solo in
campagna elettorale, quando l’ascolto assume i toni dell’ipocrisia e dell’autoreferenzialità. Immersi
nelle periferie fisiche e dell’anima quotidianamente, a contatto con gli oppressi e alle prese con i loro
diritti negati».
«Il Pd segua l’esempio di chi conosce la sofferenza quotidiana dei padri di famiglia che hanno perso il
lavoro, rischiano di perderlo o non ce l’hanno affatto – ha aggiunto ancora il sindaco – di chi ascolta la
domanda di lavoro di tanti giovani che, in misura sempre maggiore, un lavoro non lo cercano neanche
più. Persone che ci mettono la faccia e spesso pagano il conto di “consumazioni” di cui non sono
responsabili. Sono i sindaci e gli amministratori locali ad essere al tempo stesso antenna e parafulmine  del territorio, con pochi strumenti ed enormi responsabilità. Ecco, è da qui che si deve ripartire: dal
coraggio della responsabilità».
«Non è più tempo di Krono che mangia la testa ai suoi figli, basta con un Partito che, novello Conte
Ugolino, fa prevalere il digiuno sull’amore. Il digiuno lo combatti nutrendoti e contaminandoti di tutte
quelle esperienze che fino ad oggi sono state tagliate fuori da un metodo “esclusivo” che, sul piano
regionale, ha prodotto solo sconfitte dal 2014 a oggi in ogni tornata elettorale. Non è il momento del
rancore, è il momento di prosciugare il terreno a chi, per istinto di sopravvivenza e autoconservazione,
ha dilaniato il Partito con lotte intestine e sterili guerre di posizione».
«In Calabria il Partito Democratico non vince più una competizione elettorale dal 2014. Le ultime grandi
affermazioni risalgono alle amministrative reggine e alle regionali. Ora è giunto il momento di aprire una
riflessione seria – ha concluso Falcomatà – è il momento che il Partito regionale prenda atto di
quest’ennesima sonora bocciatura e lasci spazio alle energie già presenti nel Pd, ed a quelle che si
vorranno unire in questo percorso, per l’apertura di una fase politica nuova, costruita dal basso, capace
di interpretare realmente i bisogni e le speranze di un popolo che oggi non si sente più rappresentato.
In questo modo la Calabria potrà rappresentare concretamente un laboratorio politico nazionale per la
nuova stagione del Partito Democratico».

Facebook Comments

Di

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.