In fiamme nove autobus dell’azienda Perrone nel Cosentino

430

I mezzi sono stati incendiati da ignoti in alcune aree dove vengono abitualmente parcheggiati. Sul caso indagano i carabinieri

Nove automezzi della ditta Perrone Bus, che opera nel Cosentino, sono stati seriamente danneggiati da diversi incendi. I mezzi sono stati infatti dati alle fiamme, nella notte tra mercoledì e giovedì scorsi, da ignoti, in alcune aree dove vengono abitualmente parcheggiati, a Sant’Agata d’Esaro, San Sosti e Fagnano Castello. Sul caso indagano i carabinieri, che hanno gia’ ascoltato diverse persone e non escludono alcuna pista.

La soliderietà del presidente della Regione

Il presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio, venuto a conoscenza del vile attentato, ha contattato telefonicamente l’amministratore dell’azienda, Luigi Perrone, per esprimere a lui, a tutto il personale dipendente e alle loro famiglie la propria solidarietà e vicinanza.

«Ancora una volta – ha detto Oliverio – si tenta di colpire un’azienda sana ed operosa della nostra regione, punto di riferimento occupazionale e vanto dell’intero comprensorio dell’Esaro-Fullone. Nel ribadire la mia più ferma condanna e il mio sdegno profondo per questo ennesimo, ignobile atto intimidatorio, rinnovo la mia vicinanza umana e istituzionale ai titolari dell’azienda, a quanti lavorano in essa e alle loro famiglie. Sono certo che, con l’aiuto e la solidarietà delle istituzioni e dell’intera popolazione, non si lasceranno intimorire e che reagiranno con forza, coraggio e determinazione a questo vile gesto. Per quanto ci riguarda faremo, come governo regionale, tutto quanto è nelle nostre possibilita’ e competenze affinche’ siano ripristinati al piu’ presto i servizi di linea e sanate tutte le criticità al fine di superare il comprensibile e momentaneo disagio dell’utenza interessata. Sono sicuro – conclude il presidente della Regione – che le forze dell’ordine, che stanno già operando per individuare i colpevoli e che ringrazio per il lavoro prezioso che svolgono quotidianamente, consegneranno al piu’ presto gli autori di questo infame gesto alle autorita’ giudiziarie competenti»,

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.