Le prime tre vincono ancora. Decisivi gli ultimi 120′ di passione

291

Nella 24esima giornata le prime due della classe Futsal Polistena e Bisignano Magic Games, hanno entrambe conquistato il successo esterno contro Amantea e Lamezia Soccer, compiendo la missione di non perdere punti per strada in vista degli ultimi 120’ di passione che le attendono, insieme ovviamente a tutti i protagonisti di questa C1. Ok, come da pronostico, anche il terzo incomodo di questa volata per la promozione alla B, il Polistena C5, che ha battuto in casa per 5-2 la Roglianese cercando di risparmiare il più possibile energie e di scongiurare infortuni in vista della “partitissima” di sabato prossimo, il superderby con i “cugini” del Futsal.
Di certo in questo momento, essendo passata un’altra giornata senza passi falsi da chi sta davanti, vediamo i rossoverdi leggermente defilati dalla lotta alla promozione diretta rispetto alle prime due, ma non ci sentiamo di escludere, essendo in programma sfide tutte decisive, IN GOL. Alin Hutu (Polistena C5)IN GOL. Alin Hutu (Polistena C5)la possibilità di un loro “golpe” al campionato. Intanto comunque il Branco di mister Spanò ha rafforzato il suo terzo posto in classifica, visto che l’LM Mirto ha rimediato un altro risultato negativo in trasferta nell’anticipo di venerdì sera (trasmesso in diretta sul nostro canale Youtube con davvero ottimi ascolti) contro il Traforo Spadafora: il 2-0 maturato al PalaEventi, oltre a risultare il quinto “clean sheet” stagionale dei rossanesi, si può dire che è valso loro “quattro punti”, poiché gli consente di agganciare e superare i biancazzurri al quarto posto della classifica, ribaltando l’1-2 dell’andata e quindi il computo degli scontri diretti.
Rinviata a martedì Bovalino-Maestrelli a causa di un grave lutto che ha colpito un tesserato dei Dragons, l’impresa della giornata l’ha compiuta la Sensation Profumerie di mister Gallo, corsara all’ultimo respiro in un PalaGallo desolatamente vuoto contro un’Enotria Five Soccer che rischia sempre di più di finire impelagata nel giro play-out: per i gioiosani del bomber Gabriele Cremona (autore di una prova maiuscola) un successo fondamentale per alimentare le speranze di giocarsi la salvezza nello spareggio post regular season.
Il GLS Kroton infine ha battuto con autorità il Città di Cosenza e, grazie alla “regola dei 10 punti”, si è messo matematicamente al riparo da brutte sorprese, potendo così condurre in porto con estrema tranquillità la sua stagione.

AMANTEA – FUTSAL POLISTENA 0-2

Marcatori: pt 16’, 28’ Wellington

LAMEZIA SOCCER – BISIGNANO MAGIC GAMES 1-2

Marcatori: st 31’ Gil (B), 36’ Deodato (L), 54′ Orsi (B)

L'ingresso in campo di Lamezia Soccer e Bisignano Magic GamesL’ingresso in campo di Lamezia Soccer e Bisignano Magic GamesIn scena oggi al palazzetto dello sport “Alfio Sparti” di Lamezia Terme l’undicesima giornata del girone di ritorno del campionato c1 futsal tra i padroni di casa della Lamezia Soccer e il Bisignano Magic Games. Partita decisa dagli episodi arbitrali e di gioco.
Partita che vede il Bisignano tenere ad ampie riprese il pallino del gioco in mano e parte subito con il piede schiacciato sull’acceleratore ed un Bentornato tra i pali in assoluto migliore in campo a dire “no” più e più volte.
Dall’altra parte è il solito Gil a rendersi pericoloso e lo fa subito al primo minuto con un gran tiro dalla distanza parato dal numero 87 lametino. Poco dopo è ancora Gil ad andare vicino al vantaggio con un tiro rasoterra, esattamente al minuto 8, palla che però si infrange sul palo.
Al 14’ la prima reazione della Lamezia Soccer che ci prova con una doppia occasione di Crapella ma Rotella para e si resta sullo 0 a 0.
Il Bisignano riparte all’attacco e va ancora una volta vicino al vantaggio questa volta con una doppia occasione timbrata in ordine prima da Metallo e poi dal “solito” Gil, anche qui Bentornato compie dei veri e propri miracoli.
La Lamezia Soccer non ci sta ed al minuto 23’ sfrutta una grande ripartenza e si rende pericolosa con Caffarelli con un gran tiro dalla distanza che finisce alto sulla traversa.
Al minuto 30, proprio a pochi secondi dalla fine del primo tempo, succede l’incredibile: Orsi per il Bisignano va vicino al gol ma ancora una volta Bentornato blocca e fa ripartire i suoi in contropiede con Deodato, involato verso la porta, il numero 99 salta l’uomo in area di rigore che viene messo a terra da dietro ed il direttore di gara non fischia il rigore se non la fine del primo tempo pochi secondi dopo.
Il primo tempo termina per 0 a 0 e squadre nello spogliatoio, prima parte di gara che vede il Bisignano provarci ed un’ottima fase difensiva della Lamezia Soccer a contrastarli tatticamente.
La ripresa inizia subito con il botto e solo dopo pochi secondi al 31’ il Bisignano trova il gol del vantaggio con Gil, tiro dalla distanza all’angolino basso alla sinistra di Bentornato. Questa volta il portiere non può nulla ed è 0 a 1.
I ragazzi di mister Carozza non restano a guardare e vanno subito all’attacco alla ricerca del pareggio, che arriva al minuto 36. Tutto nasce da una palla gettata in area da Deodato rasoterra e forte e dopo una serie di tocchi in mischia è proprio lo stesso Deodato ad arrivare in scivolata per l’ultimo tocco e ad insaccare in rete. 1 a 1 e palla al centro.
Al 40’ Ferraro per il Bisignano torna a rendere pericolosi i suoi, prima con un gran tiro parato da Bentornato e pochi secondi dopo sempre lo stesso Ferraro colpisce il palo esterno e partita che resta in equilibrio. Da registrare per la Lamezia Soccer una grandissima prestazione, inoltre, del classe 2000 lametino Baglione, partita da applausi.
Cinque minuti dopo sfiora il vantaggio Orsin ma tanto per cambiare è ancora il capitano della Lamezia Soccer a murare tra i pali. Al minuto 49’ arriva la doppia clamorosa occasione lametina: Deodato involato in porta al termine di un uno/due con Gerbasi, sfiora il vantaggio con un gran sinistro e sulla ribattuta di Rotella a tu per tu Gerbasi tira nuovamente in porta ma anche qui è ancora una volta bravo il portiere cosentino in uscita ad evitare il vantaggio orange.
Selfie vittoria del Bisignano Magic GamesSelfie vittoria del Bisignano Magic GamesLa svolta definitiva della partita arriva al 54’: schema su punizione dal limite dell’area, uno/due tra Orsi e Gil ed è proprio Orsi a piazzarla con un rasoterra da fuori area all’angolino basso ed è 1 a 2 per gli ospiti.
Mister Carrozza si gioca la carta portiere di movimento con Montesanti a fare il quinto in campo, proprio Montesanti stesso si vede negare un fallo al limite dell’area avversaria che sarebbe costato al Bisignano il tiro libero a sfavore proprio all’ultimo minuto di gioco.
La partita termina quindi con il risultato di 1 a 2 per il Bisignano mantenendo ancora in corsa il sogno promozione mentre per la Lamezia Soccer il discorso salvezza è lontano solo tre punti a due partite dal termine del campionato. (Fausto Marziano – Addetto Stampa ASD Lamezia Soccer)

POLISTENA C5 – ROGLIANESE 5-2

Marcatori: pt Borgese, Fiore (R), Cosoleto, Oliva; st Hutu, D’Agostino, Marsico (R)

Polistena C5 e Roglianese schierate a centrocampoPolistena C5 e Roglianese schierate a centrocampoOnore alla Roglianese. Commentare la gara di oggi è riduttivo se si pensa che la terza forza del campionato affronta in casa la gia retrocessa Roglianese. Vogliamo dare i meriti ad una squadra che è stata da esempio per tutti, una squadra la Roglianese, che gioca ogni match con la dignità e la forza del guerriero che ormai spoglio e senza armi non piega la testa e continua la sua battaglia – gia persa – con onore; un bellissimo spot soprattutto per i bambini della scuola calcio Giovani Rossoverdi che oggi hanno assistito al match, la Roglianese è esempio di lealtà sportiva e non solo. Da parte di tutto il PC5 un plauso a mister Sicilia e ai suoi ragazzi per la signorilità dimostrata in tutto l’ arco del campionato. L’incontro finisce 5 a 2 per il PC5, in rete Borgese, Cosoleto, Oliva, D’Agostino e Hutu per il PC5, Fiore e Marsico per la Roglianese.  (Ufficio Stampa Polistena C5)

LS SPADAFORA GAMES TRAFORO – LM MIRTO 2-0 ( giocata venerdì)

Marcatori: pt 7’ Lovatel; st 44’ Salerno

Traforo e Mirto schieratiTraforo e Mirto schieratiIl Traforo Spadafora conquista il derby con l’LM Mirto con una prestazione impeccabile per tutto il corso dei 60’ di gioco, agganciando e superando al quarto posto proprio i rivali grazie al 2-0 maturato, che ribalta il 2-1 dell’andata in favore di Pace e compagni.
Dopo 7’, alla prima vera occasione del match, i rossanesi la sbloccano con una conclusione di rara potenza di Lovatel su calcio di punizione toccatogli da Dedè. Brividi per i padroni di casa quando poco dopo un tiro dalla distanza di Taibi viene ribattuto e la parabola del pallone viaggia verso porta sguarnita, ma la stessa parabola è lenta e favorisce così il recupero di un compagno di squadra del portiere italo-brasiliano.
E’ solo un sussulto per il Mirto (privo tra l’altro di Schiavelli), visto che il Traforo mantiene il comando del gioco e sfiora il raddoppio con Salerno, Cosentino e Dedè: Avena è più che provvidenziale in queste tre occasioni. Dall’altra parte gli ospiti fanno fatica a trovare i varchi giusti per far male agli avversari, aumentando la pressione solo nei 5’ finali. Al 28’ così Taibi viene chiamato in causa per la prima volta in maniera importante: l’estremo difensore del Traforo vola a deviare in angolo una violenta botta di Pace dal limite, consentendo alla sua squadra di andare all’intervallo in vantaggio.
ASSISTMAN. Dedè (Traforo) due passaggi vincenti per i compagni col MirtoASSISTMAN. Dedè (Traforo) due passaggi vincenti per i compagni col MirtoAl rientro dagli spogliatoi il Mirto riprende sulla falsa riga degli ultimi 5’ della prima frazione: De Vincenti angola troppo il suo diagonale di sinistro da buona posizione, così come i compagni Paolo Savoia e Pace dal limite non riescono ad inquadrare la porta. È il Traforo poi a sfiorare il raddoppio con una deviazione sottomisura (pallone a lato) di Dedè su tiro-cross di Lovatel, raddoppio che arriva al 44’ in maniera abbastanza simile all’occasione appena descritta: Salerno recupera palla nella propria metà campo e innesta la ripartenza dei suoi con una splendida azione personale, poi il pallone giunge a Dedè che con un altro diagonale taglia le linee del Mirto e serve Salerno, il quale anticipa un avversario e non sbaglia di prima a pochi passi da Avena. 2’ dopo una deviazione di Biasi su un tentativo dal limite di De Vincenti mette fuori causa Taibi, ma il pallone termina a lato. Passa un altro minuto e Avena non abbocca in uscita su un “cucchiaio” di Pato.
A seguito di queste due chances il Traforo, viste anche le non perfette condizioni fisiche di alcuni elementi, cerca di gestire la partita, ricorrendo al possesso palla grazie al supporto di Taibi, il Mirto dal canto suo continua a faticare per aprire l’ermetica difesa rossanese, così a circa 3’ dal termine Loria inserisce Pace come portiere di movimento, ma i padroni di casa si chiudono bene e riescono a condurre in porto la preziosa vittoria.

GLS KROTON – CITTA’ DI COSENZA 4-1

Marcatori: pt Cimino, L. Martino; st Zanda, Gerace, Potestio (CS)

Paolo Zanda (GLS Kroton)Paolo Zanda (GLS Kroton)Il GLS Kroton prevale con estrema autorità sul Città di Cosenza e conquista i tre punti che gli mancavano per poter concludere la stagione in assoluta tranquillità, mentre la formazione di De Marchi continua a stazionare pericolosamente in zona play-out.
I pitagorici sono scesi in campo sin da subito con l’atteggiamento giusto e hanno colpito già dopo 5’ grazie al “solito” Gaetano Cimino. Il raddoppio è stato firmato dall’altro bomber Luigi Martino, mentre gli ospiti si sono resi pericolosi solo con un paio di conclusioni dalla distanza e tra l’altro in più di un’occasione sono stati salvati dalle parate di Cuconato.
Nella ripresa, con un uno-due micidiale nel giro di pochi minuti siglato da Zanda e Gerace, il GLS Kroton ha chiuso definitivamente i conti. I Lupi hanno inserito il portiere di movimento per provare una disperata rimonta, ma sono riusciti solo a siglare il “gol della bandiera” (tra l’altro quando Cuconato era rientrato in porta) con Potestio. Da registrare che durante la gara mister Orto ha concesso minutaggio anche agli under Terrone, Chirullo e Cimieri.

ENOTRIA FIVE SOCCER – SENSATION PROFUMERIE 5-6

Marcatori: pt 8’, 12’ G. Cremona (S), 15’ M. Capicotto (EF), 26’ G. Cremona (S); st 31’ Monterosso (EF), 36’ Brandonisio rig. (EF), 41’ Simari (S), 48’ Jervasi (S), 52’ M. Capicotto (EF), 60’ Brandonisio (EF), 61’ Minnella (S)

i saluti iniziali tra i capitani e il duo arbitralei saluti iniziali tra i capitani e il duo arbitraleClamoroso risultato al PalaGallo, dove la Sensation Profumerie ha compiuto una grande impresa, battendo l’Enotria Five Soccer e continuando a mantenere più che mai vive le speranze di guadagnarsi la salvezza tramite il play-out.
Al contrario, al cospetto dei gioiosani è andata in scena una versione irriconoscibile di quella squadra che con pieno merito ha vinto la Coppa Italia e battuto il Futsal Polistena solo due settimane fa. Eppure per ben due volte i giallorossoneri sono stati capaci di recuperare il doppio vantaggio, ma a tempo quasi scaduto sono stati puniti da una Sensation che, pur con i suoi limiti, ha giocato per tutti i 60’ con umiltà, fame, grinta e carattere, trascinata da uno strepitoso Gabriele Cremona e dalle parate dell’inossidabile Battaglia.
Sin dalle prime battute si capiva come il risultato di questa gara non sarebbe stato scontato com’era pronosticabile. La Sensation si dimostrava più in palla degli avversari e si affacciava con una certa frequenza dalle parti di Loprieno, poi arrivava la traversa di Mario Capicotto e, pochi istanti dopo, il gol ospite che sarebbe diventato l’emblema della giornata storta dell’Enotria Five, che perdeva banalmente Un'azione di gioco della prima frazioneUn’azione di gioco della prima frazionepalla nella propria tre quarti a favore di Minnella, il quale serviva a Gabriele Cremona un pallone che il capocannoniere del campionato non poteva sbagliare. Padroni di casa in bambola e giallorossoneri salvati da Loprieno, prima della nuova “zampata” del “re dei bomber” con un preciso diagonale dalla sinistra. Mario Capicotto provava a dare la scossa ai suoi con un pregevole gol dopo aver mandato al bar un avversario con una finta, ma la stessa Enotria Five nei minuti successivi andava a sbattere contro un’insuperabile Battaglia. Così al 26’, dopo un intervento non perfetto di Loprieno, Gabriele Cremona spalle alla porta sfornava un’altra “perla”, girandosi e beffando il portiere soveratese con uno splendido “cucchiaio”.
Nella ripresa la formazione di casa sembrava aver ingranato la marcia giusta e l’inerzia del match sembrava essere passata dalla sua parte quando prima Monterosso su schema d’angolo superava un non impeccabile Battaglia (era questa una delle pochissime, anzi forse l’unica sbavatura del suo match) La punizione dalla quale è scaturito il gol di JervasiLa punizione dalla quale è scaturito il gol di Jervasie poi Brandonisio pareggiava su rigore. Andrea Capicotto aveva la palla del 4-3, trovando sulla sua strada ancora una volta Battaglia. L’Enotria Five attaccava, ma si vedeva che non c’erano quei fattori chiave delle recenti imprese stagionali, dall’altra parte la Sensation colpiva due legni in pochi secondi (in entrambi i casi decisive le deviazioni di Loprieno) e nel giro di 7’ passava nuovamente sul doppio vantaggio grazie a Simari e a Jervasi, che finalizzava al meglio uno schema su punizione. A questo punto i padroni di casa si schieravano immediatamente con Andrea Capicotto portiere di movimento e gli ospiti cominciavano a soffrire in maniera importante: un grande Battaglia e tanta imprecisione rinviavano, dopo il 4-5 di Mario Capicotto, l’appuntamento col pari dei catanzaresi, che però arrivava proprio al 60’ grazie a capitan Brandonisio. Ma i gioiosani continuavano a crederci, così in pieno recupero, dopo aver affondato troppo facilmente nella difesa giallorossonera, Gabriele Cremona si travestiva da assistman per il compagno Minnella, che con freddezza insaccava nel set per il trionfo della sua squadra.

LuttoLuttoBOVALINO – MAESTRELLI rinviata

Bovalino Calcio a 5, con immenso dolore, comunica che la gara valida per la 24esima giornata del campionato di serie C1, prevista in data odierna alle ore 16:00, non si giocherà a causa di un lutto improvviso che ha colpito un calcettista della società nostra avversaria. A lui e alla Maestrelli tutta vanno la nostra vicinanza e le più sentite condoglianze.
BC5 comunica inoltre che, la suddetta gara, si disputerà Martedì 20 Marzo alle ore 20:00 presso il PalaLaCava. (Ufficio Stampa Bovalino C5)

In merito al rinvio della gara col Bovalino, la Maestrelli C5 ringrazia per la disponibilità e la sensibilità gli organi federali e soprattutto la società Bovalino C5 nelle persone di Vincenzo e Andrea Scordino. (Maestrelli C5)

QUI RISULTATI E CLASSIFICA DOPO LA 24° GIORNATA

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.