QUARTA POSIZIONE DI BIVONGI AL CAMPIONATO ITALIANO DELLA PIZZA

932

Ugo Franco – Successo dei prodotti tipici locali che si stanno affermando attraverso i mass media e manifestazioni gastronomiche nazionali.

Dopo la nduja presentata nel mese di gennaio nella trasmissione di Rai 1 “I soliti ignoti”, seguita da 4 milioni di persone e che ha registrato un incremento nella produzione, sono ora le melanzane, le olive, il capocollo, il formaggio, la stessa ‘nduja e il peperoncino, a fare un passo avanti per essere stati gli ingredienti della pizza presentata dal maestro pizzaiolo, Salvatore Graziani, nel campionato italiano di pizza tenutosi a Massa Carrara e organizzato dall’accademia “Good in Food”.

<<Un’esperienza singolare – dice Graziani – e soddisfatto per l’ambiziosa quarta posizione raggiunta. Ero scettico a fare questa esperienza e lo stimolo di partecipare a questo campionato mi è stato trasmesso da un mio caro amico, anche lui pizzaiolo, habitué di vari concorsi della penisola e in Europa. È stata una gara interessante e impegnativa perché c’erano più di cento partecipanti e mai credevo di poter raggiungere un obiettivo così interessante essendo la prima mia competizione. Di sicuro, sono stati i prodotti tipici del paese che ho dovuto portare, così come previsto dal regolamento, per preparare la pizza che ho desiderato dedicare al mio paese battezzandola “Bivongese”. Pizza a base di crema di melanzane, nduja, capocollo, olive in salamoia, formaggio pecorino stagionato e, dulcis in fundo, con la variante del nostro amabile peperoncino. Orgoglioso conclude – Graziani – perché la giuria, composta da cinque giudici esperti del ramo, ha avuto parole di elogio nel gustare la “Bivongese”, spronandomi a continuare, per l’inventiva e la capacità dimostrata, per un futuro assicurato di gran successo. Aspetto, quindi, nel mio ristorante pizzeria “Mille Voglie” i numerosi turisti che lo scorso anno ho deliziato con l’altra specialità di pizza “Salvatore” per far gustare la “Bivongese”>>.

Pizza di Bivongi, perciò, che s’impone oltre i confini della Calabria perché, a parte la filosofia dell’abbinamento inventato dal maestro pizzaiolo, Salvatore, è composta da semplici ingredienti di qualità che si producono qui e ne esaltano l’eccellenza gastronomica. Antichi sapori che ormai si stanno perdendo ma che, in questa zona del Mediterraneo, si conservano ancora.

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.