Sanità, tutti i fondi erogati per le strutture private

246

La suddivisione per provincia dei 197 milioni stanziati con il decreto del commissario Scura. Ventisette rappresentano la quota premiale per frenare la mobilità passiva 

Quasi 197 milioni saranno erogati per l’anno 2018 alle strutture private accreditate con il sistema sanitario regionale: 5,6 copriranno le «attività non coperte da tariffe predefinite, da finanziare a funzione» (che saranno ripartite con un decreto a parte); 157 milioni saranno utilizzati «per l’acquisto di prestazioni di assistenza ospedaliera per acuti (101,7 milioni) e per post acuti (55,3 milioni); 27,1 milioni rappresentano la quota premiale, «già riconosciuta agli erogatori privati accreditati negli anni 2016 (nella misura del 5%) e 2017 (nella misura dell’8%) per favorire la riduzione della mobilità passiva; 5 milioni «per l’acquisto di prestazioni di assistenza ospedaliera di alta specialità».
Il decreto numero 70, firmato dal commissario per il Piano di rientro Massimo Scura lo scorso 15 marzo, definisce i livelli massimo di finanziamento dal Servizio sanitario regionale per gli erogatori privati, prevedendo questa distribuzione territoriale: per le strutture private accreditate in provincia di Catanzaro circa 53 milioni, per quelle in provincia di Cosenza oltre 59 milioni, per quelle in provincia di Reggio Calabria 37 milioni, e infine circa 34 milioni per le strutture del Crotonese e 4,7 per quelle di Vibo Valentia.

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.