SIDERNO: PALASPORT, PRESTO LA PRIMA PIETRA

569

Aggiudicata dalla Suap la gara d’appalto per quasi 2 milioni di euro. Dopo 12 anni di attesa luce in fondo al tunnel per l’impianto di contrada Condassondo.

Dopo 12 anni di attesa si avvia finalmente a conclusione (ulteriore burocrazia permettendo….) l’iter di realizzazione del palazzetto dello sport di Siderno. Nei giorni scorsi, infatti, è stata espletata la gara per la costruzione dell’importante struttura sportiva che dovrà nascere in località Condassondolo, a poche centinaia di metri dal centro polifunzionale in una vasta area attualmente abbandonata. Le offerte sono state indirizzate ed esaminate dalla Stazione unica appaltante provinciale e la gara è stata aggiudicata alla ditta Antonio Parisi (con le ditte mandanti Società Pmm Srl e Rubner Holzbau Sud spa) che ha ottenuto, in sede di aggiudicazione provvisoria, un punteggio complessivo di 88,65.

Per la realizzazione del palazzetto dello sport di località Condassondolo è prevista una spesa di 1 milione e 820 mila euro oltre IVA di cui 20.000 per oneri di sicurezza non soggetti a ribasso. Il bando prevedeva il criterio di aggiudicazione secondo l’offerta economicamente più vantaggiosa. Sulla base di quanto previsto dal bando di gara (responsabile unico il geometra Luigi Zannini) il contratto, con la ditta aggiudicataria potrà essere stipulato non prima di trentacinque giorni dall’invio dell’ultima delle comunicazioni del provvedimento di aggiudicazione definitiva e la stipula dovrà comunque avvenire, entro 180 giorni decorrenti dalla data di efficacia dell’aggiudicazione definitiva rimanendo subordinata all’ esito positivo delle procedure previste dalla normativa vigente in materia di lotta alla mafia ed alla consegna del piano di sicurezza.

Nella sostanza c’è da attendere ancora alcuni mesi per aver la certezza che non ci siano ulteriori ostacoli alla conclusione del farraginoso iter procedurale anche se – a sentire gli esperti del settore – il più a questo punto è fatto. I tempi per l’esecuzione dei lavori sono stati fissati in 450 giorni naturali consecutivi decorrenti dalla data del verbale di consegna dei lavori.

Il palazzetto dello sport è stato progettato con fondazione e strutture verticali in cemento armato e copertura in legno lamellare del tipo a portale curvo a tre cerniere. Servizi igienici, spogliatoi, vani tecnici e simili saranno realizzati con blocchi indipendenti. Al suo interno saranno realizzati una platea e una tribuna. Molteplici gli sport praticabili: pallacanestro, basket, minibasket, pallavolo, tennis, calcetto e via dicendo. Un’opera insomma, che dovrebbe andare ad arricchire, in maniera prepotente, la vocazione sportiva della città e nel contempo risanare una zona degradata, rimasta tale dal 2006 proprio perché prevista già quel tempo la “immediata” realizzazione di questa struttura per completare un’offerta già ampliata con l’adiacente centro polifunzionale e la vicina piscina comunale coperta che si trovano sulla stessa via Macrì di contrada Condassondolo dove, appunto dovrebbe sorgere il nuovo impianto. L’auspico è, adesso, che non siano ulteriori intoppi.

ARISTIDE BAVA

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.